Chiudi | Mostra/Nascondi Immagini | Stampa

Depressione in gravidanza: attenzione a certi sintomi

Un disturbo che può colpire le future mamme e di cui si parla poco; tuttavia è importante conoscerlo per poter intervenire il prima possibile ed evitare che il problema si trascini anche dopo il parto
  Di Bianca Fracas - PsicoSessuologa

Si crede erroneamente che aspettare un bambino sia un momento sempre felice; lo è per alcune donne, ma non per tutte, perché certe future mamme possono soffrire di depressione in gravidanza e vivere questi mesi con ansia e angoscia.
Si parla sempre di baby blues che colpisce dopo il parto, ma anche questo disturbo non è da sottovalutare perché secondo Onda, l'Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna, a soffrire di tale disturbo dell'umore quando si è incinta sono circa il 16% delle future partorienti.
Un numero approssimativo però poiché alcuni sintomi sono sottovalutati e certe future mamme non ne parlano con nessuno.
Nulla di più sbagliato perché il primo modo per uscire da questo stato è condividere pensieri e sofferenze e farsi aiutare da chi è esperto.



Una tristezza “non normale”
Sentirsi un po' giù, avere sbalzi di umore e pensieri negativi quando si aspetta un bebè non è sempre sinonimo di depressione in gravidanza, perché può capitare a tutte di avere dei momenti NO; diventare mamme significa avere nausee, preoccupazioni per il futuro, cambiamenti di vita e un nuovo rapporto con il partner.
I primi tempi poi, soprattutto quando la gravidanza non è stata cercata, servono anche per abituarsi pian piano a questo nuovo ruolo, ma il più delle volte questo stato umorale è temporaneo e torna presto il sorriso e la voglia di stingere il piccolo tra le braccia.
Se però tale condizione perdura e soprattutto se si è già predisposte a soffrire di disturbi dell'umore, allora potrebbe essere il caso di non sottovalutare la tristezza e l'abbattimento.
 

 

Sintomi
Il direttore dell'Unità Operativa di Psichiatria universitaria 2 di Pisa, dopo aver condotto una ricerca riguardo alla depressione in gravidanza e nel post parto, ha anche sottolineato l'importanza di fare attenzione ai seguenti sintomi tipici di questa condizione.

 

 

 

 


Cosa fare
È importante che le donne incinta e chi le circonda individuino prima possibile i vari segnali che possono far pensare ad una depressione perinatale per evitare che lo stato depressivo si trascini e diventi un pericolo per la salute mentale della mamma e del suo piccolo.
La cosa migliore è parlarne con il proprio ginecologo o con l'ostetrica di fiducia che sapranno capire e consigliare il da farsi. Talvolta è sufficiente fare qualche colloquio con uno psicologo che aiuta la futura mamma a capire che paure e angosce sono normali e non sono eventi insormontabili.

Nel caso si tratti di forme più importanti, invece, viene raccomandata una psicoterapia abbinata ad una cura con psicofarmaci purché il dosaggio venga somministrato da medici specializzati. Recenti studi hanno infatti dichiarato che alcune categorie di farmaci non aumentano il rischio di malformazioni al feto ed i rischi sarebbero maggiori se non venisse curata la depressione in gravidanza.

© Amando.it - Riproduzione Riservata

Chiudi | Mostra/Nascondi Immagini | Stampa