Chiudi | Mostra/Nascondi Immagini | Stampa

6 mesi al sì: è ora di pensare a documenti, partecipazioni e remise en forme

Mancano sei mesi al matrimonio. Per alcune sono tanti, per altre decisamente pochi. In questo periodo si può dare inizio alla documentazione, procedere al giuramento in comune e certamente è tempo di rimettersi in forma
  Di Francesca La Rana

Se 12 mesi ti sembravano tanti, se 9 mesi ti sembravano un tempo adeguato per organizzare il tutto, 6 mesi possono risultare abbastanza preoccupanti. Insomma, solo in questo momento puoi pensare finalmente alla documentazione, che è poi la parte meno divertente dell’intera organizzazione, e dovrai comunque occuparti di altre piccole cosette per arrivare al meglio al giorno del matrimonio.


La data fissata precedentemente ora diventa una vera e propria scadenza. Entro quel termine, e possibilmente anche con qualche settimana di anticipo, dovrai essere pronta. Ma pronta a tutto! Anche lo sposo dovrà iniziare a fare qualcosina, ovvero deve pensare al suo look personale, anche se ci auguriamo che ti abbia dato una mano con il tutto.

Ad ogni modo, vediamo cosa puoi e dovresti fare a 6 mesi dal matrimonio.

DOCUMENTAZIONE IN CHIESA


Se vi sposate in chiesa è tempo di iniziare a produrre la documentazione necessaria. I casi sono questi:

 


GIURAMENTO (PUBBLICAZIONI IN COMUNE)



Si chiama Giuramento ma c’è chi lo chiama Prima Promessa o chi più semplicemente Pubblicazioni. Questo è l’atto che si fa appena avviate le pratiche in chiesa. Ovviamente, sarà il prete stesso a dirvelo, ma in alternativa potete anche chiederglielo.

Ad ogni modo, andate in comune, quello di appartenenza (in uno dei due, qualora i comuni di residenza siano diversi), all’ufficio anagrafe dichiarate che volete contrarre matrimonio. L’impiegato di turno produrrà l’intera documentazione e fisserà la data delle pubblicazioni. Dovete fornire la marca da bollo, così come vi chiederà l’impiegato, e ovviamente dare il consenso. In alcuni paesi, quelli solitamente più piccoli, avviene anche una piccola cerimonia che alcuni sposi con le loro famiglie celebrano con un rinfresco, che può essere più intimo o allargato a più invitati. Ovviamente, non è necessario né richiesto.

REMISE EN FORME


Ok, a sei mesi dal matrimonio se credi di dover perdere peso, tonificare o fare qualcosa in particolare è decisamente il momento migliore (e ultimo) per farlo. Contatta un esperto di alimentazione, così da perdere perso ma senza strani e poco salutari stratagemmi, vai in palestra e chiedi all’istruttore un programma di remise en forme adeguato. Presso il centro estetico dove vai solitamente o dove vuoi andare chiedi se ci sono trattamenti specifici di cui potresti beneficiare.

PARTECIPAZIONI DI NOZZE


Ebbene sì, sebbene siamo nel bel mezzo dell’era digitale bisogna (non per forza) fornire delle partecipazioni cartacee. Può sembrare uno spreco, può sembrare inutile e in effetti è una pura formalità. In questo caso non ti suggeriamo di acquistare degli inviti a nozze di un costo eccessivo, che siano particolari e inedite, ma solamente di scegliere quelle che preferisci anche in base al tuo budget a disposizione. In fondo, seppure bellissime, queste servono solamente a comunicare l’evento. Sceglile in base al tuo stile e anche a quello del matrimonio, oppure semplicemente bianche, per andare, sempre e comunque, sul sicuro.

L’ABITO DA SPOSO E L’HAIR LOOK


Anche lo sposo deve giustamente pensare al suo look. Rispetto alla sposa, il suo look presenta meno complicazioni. L’abito da sposo deve essere elegantissimo e di buona fattura e ricordate che non c’è bisogno che sia di qualche marca particolarmente conosciuta, perché l’ottima qualità non è sinonimo di brand blasonato. Prova diverse soluzioni e capirai da solo quali sono i tessuti migliori e soprattutto capirai qual è la vestibilità più giusta. Non precluderti alcuni stili, perché come sai il vestito da sposo può essere più semplice o più particolare, con giacca tight, mezzo tight o altri modelli. Inoltre, il completo può essere composto da due o tre pezzi; in quest’ultimo caso è compreso il gilet, che anche questo può presentarsi liscio o elaborato.

Le scarpe le fornirà l’atelier, anche solo per capire come il look intero ma queste potrai acquistarle anche altrove, in fondo le calzature maschili da cerimonia si trovano con estrema facilità. I gemelli sono indispensabili mentre l’orologio non è obbligatorio. I calzini devono essere scuri e lunghi e la cintura dipende dall’abito, ti consiglierà direttamente l’atelier in cui sei stato.

 

Non dimenticare l’hair look. A meno che non sei rasato, ricordati di dire al tuo parrucchiere che ti sposerai a breve, perché lui ti consiglierà come dovrai tagliare i capelli per arrivare al meglio al grande giorno.

© Amando.it - Riproduzione Riservata

Chiudi | Mostra/Nascondi Immagini | Stampa