Chiudi | Mostra/Nascondi Immagini | Stampa

12 mesi al sì: consigli per arrivare preparata al matrimonio

Stai per sposarti, manca un anno al grande evento e non sai come organizzarti? Leggi i nostri consigli e arriva preparata al tuo matrimonio
  Di Francesca La Rana

Siete innamorati, non vedi altra persona se non lui e ti ha chiesto di sposarlo. E adesso? Niente paura, non farti prendere dall’ansia, c’è tempo per fare tutto purché si segua una giusta scaletta. Di norma, quando scatta la proposta si ha più o meno un anno di tempo per gestire il tutto. La prima cosa che dovete fare insieme, possibilmente nemmeno con troppa calma, è fissare la data. È ovviamente il primo step prima di mettere in moto la grande macchina del matrimonio.

 

Proprio perché per scegliere i fornitori e far stilare tutti i documenti, che sono molti di più di quel che pensate se vi sposate in chiesa e se appartenete a due diocesi differenti, ti conviene fissare la data almeno a un anno dopo la proposta. 12 mesi sono sufficienti per fare tutto.

Prima di comunicare al mondo intero la favolosa notizia, è buona norma selezionare almeno la chiesa e, se possibile, anche il ristorante o la location dove intendete andare a mangiare, così che nessuno possa influenzare questa scelta. È davvero molto importante che gli sposi possano effettuarla a modo loro, senza pressioni da parte delle due famiglie. È l’unico modo per lavorare insieme, in coppia, e fare tutto in base ai gusti di entrambi. Più campane ci sono e più i promessi sposi andranno in difficoltà.

LISTA INVITATI
È un po’ presto per avere ben chiara la lista degli invitati ma avere ben chiaro il numero delle persone che parteciperanno al vostro matrimonio è davvero importante. Partite dalle famiglie, prima la tua e poi la sua e siate categorici. Non c’è bisogno di chiamare parenti che fino a quel momento sono rimasti un nome sull’albero genealogico, piuttosto stringete a voi le persone più care.

Passate agli amici e valutate anche i colleghi di lavoro di entrambi. Per gli altri, come i vicini di casa o magari la signora del negozio sotto casa, basta un sacchettino con qualche confetto: ne sarà felicissima. Ad ogni modo, la lista è da rivedere più in là con i vostri genitori ma ricordatevi che la prima stesura l’avete fatta insieme partendo da criteri che avete scelto voi. Cercate di non litigare.

SCEGLIERE LA CHIESA
Fissare la data è il primo passo, ma quello che conviene fare è puntare su un ventaglio di queste. Sei disposta a sposarti in un giorno differente dal sabato? Se sì, probabilmente, nella chiesa dove hai sempre pensato di sposarti, riuscirai tranquillamente a trovare posto, altrimenti i casi sono due: o sei sfacciatamente fortunata, oppure devi spostare più in là le tue nozze. Cerca però di non rimandarle addirittura di un anno perché sei fissata con un determinato giorno, altrimenti rischi di non viverti bene tutto il momento. E, fidati, 12 mesi è un periodo molto lungo!


Ad ogni modo, chiama o recati presso la chiesa dove avete intenzione di sposarvi. Se ci vai di persona, cerca di farlo insieme al tuo lui: per il parroco è sempre segno di serietà quando si presentano entrambi i membri della coppia.

Parla con il sacerdote
che, ovviamente, ne sa più di te. Fatti consigliare l’orario, così da farvi velocemente un’idea se la cerimonia deve essere svolta di mattina o di pomeriggio, e di conseguenza decidete insieme. Bene, ora hai una data, il sacerdote l’ha segnata nella sua agenda. Probabilmente ti chiederà di fare la documentazione religiosa, ma questa ha una scadenza, ovvero 6 mesi dal matrimonio, quindi dovrai attendere ancora un po’.

Tutt’al più, per non fare tutto all’ultimo, chiedi anche del corso prematrimoniale, così da sapere quando inizia. Solitamente dura due mesi e gli incontri si effettuano una volta la settimana. Andate, non saltate il vostro appuntamento e al termine vi verrà fornito un attestato di frequentazione che vale come documento per la chiesa.

LA SCELTA DEL RISTORANTE
Altro punto cruciale: il ristorante! Ecco, ora pensaci bene: dove vuoi accogliere i tuoi invitati? Al mare? In montagna? In campagna o in collina? In una villa o in un castello? In un ristorante stellato o magari in una location esclusiva sfruttando un buon servizio catering?

Pensate insieme a queste alternative o ad altre, tutte quelle che vi vengono in mente ma tenete sempre conto di una cosa: gli invitati si spostano volentieri quel giorno, offrendovi tutta la loro disponibilità, quindi cercate di non celebrare la cerimonia da una parte e offrire il pranzo o la cena da tutt’altra. Uno spostamento di mezz’ora, quaranta minuti al massimo va bene. Oltre, si tratta di una trasferta.


Dai uno sguardo online, girovaga tra i forum per raccogliere qualche opinione e guarda le foto delle varie location. Quelle di tuo gusto le noterai sin dal primo istante. Concentrati su quelle e scarta tutte le altre. Chiama e fissa qualche appuntamento, così da avere un buon ventaglio di scelta, che solitamente non supera le 5 location.

Quando vai all’appuntamento, possibilmente sempre con il tuo futuro marito, chiedi tutto. Anzi, se ti può risultare più semplice, preparati una bella lista, senza esagerare. Ricorda che questo è un incontro preventivo. Ad ogni modo, chiedi i posti a sedere quanti sono, perché non è detto che la capienza sia quella desiderata e utile per ospitare tutti. Chiedi come si svolge un matrimonio classico e parlate un po’ del menù, avendo attenzione di domandare delle alternative (menù vegetariano, vegano, celiaco, per bambini…). Ovviamente, parlate di prezzi, perché è sempre importante rientrare nel budget.

SCEGLIERE IL FOTOGRAFO
Uno dei fornitori che devi contattare per primo è sicuramente il fotografo, anzi un vero e proprio studio fotografico. Ti avvertiamo, non costa poco quindi non spaventarti inizialmente. Quello che puoi fare è andare da più studi, verificare i loro lavori e tutti i loro pacchetti e farti dire i prezzi. Pondera un po’ e decidi anche in base, ovviamente, alle vostre possibilità.
Magari, se vuoi spendere un po’ meno, puoi optare solamente per il servizio fotografico escludendo il video, ma sappi che è anche vero, che dopo il grande giorno, le uniche cose che ti resteranno, sono proprio le foto! E lo stesso vale per il video.


Ad ogni modo, per la scelta del fotografo cerca di guardare bene tutto, per non sbagliare. Ti piacciono i suoi lavori fatti con gli altri sposi? Che servizi ti offre? In quanti sono a testimoniare il vostro matrimonio? Leggi delle recensioni sui forum e magari chiedi anche a qualche tua amica se ne ha mai sentito parlare.

Inoltre, cosa molto importante, cerca di capire se il suo stile è classico, ovvero quello da posa, o reportage, ovvero che cattura tutti i momenti della cerimonia senza chiedere a tutti di stare per interminabili secondi fermi e impalati con gli immancabili sorrisi finti.

Altro punto molto importante è la confidenza che si crea tra questo professionista e la coppia. Solo se vi sarete simpatici sin dalla prima chiacchierata, riuscirete ad ottenere un servizio fotografico fatto bene e in modo armonioso e tranquillo. Se invece questa persona, a pelle, non vi piace, scartatelo immediatamente: rischiereste di fare delle foto risultando persino un po’ infastiditi.

DA TENERE A MENTE
Tutti questi step richiedono del tempo, non riuscirete a cavarvela in pochi giorni. Fate le vostre valutazioni con calma e soprattutto tranquillità perché la fretta non porta da nessuna parte.
Selezionati questi punti passerete alla fase successiva, ovvero quella delle decorazioni e, ancor più importante, quella della scelta dell’abito. A tal proposito, se avete intenzione di mettervi a dieta e tornare in forma, vi consigliamo di cominciare già a fare qualcosa, così a circa 9 mesi dal sì, potrete provare l’abito da sposa senza farvi troppi crucci.

© Amando.it - Riproduzione Riservata

Chiudi | Mostra/Nascondi Immagini | Stampa