Chiudi | Mostra/Nascondi Immagini | Stampa

Divorzio via facebook quando il coniuge è irreperibile

Una sentenza del tribunale di Manahattan ha concesso ad una donna di ottenere il divorzio dal coniuge che le negava i documenti. Una nuova frontiera in tema di separazioni
  Di Bianca Fracas - PsicoSessuologa

Se in molti casi i social network servono per intessere relazioni, ultimamente gli stessi vengono usati come mezzo ufficiale per richiedere la separazione e ottenere i documenti necessari per richiederla: se uno dei due coniugi è irreperibile o si nega a telefonate e mail, il divorzio può essere richiesto via facebook.
È ciò che è accaduto a New York: una donna 26enne di origini ghanesi nel 2009 ha sposato in America, con rito civile, un suo connazionale. Alle nozze però non è mai seguita una convivenza e pare anche che il matrimonio non sia nemmeno mai stato consumato.


La sentenza
Dal momento che il marito di Elonora Baidoo, quando lei chiedeva di incontrarsi per avere i documenti necessari alla separazione, si negava e l'unico mezzo che lei aveva per raggiungerlo era il telefono e facebook, l'avvocato della donna ha proposto di usare il social network per avere le carte.
Il giudice della Corte Suprema di New York ha accettato l'istanza, dopo aver visionato le conversazioni dei coniugi su facebook, proponendo alla donna di richiedere al coniuge, una volta a settimana per tre settimane, i documenti. Se al termine di questo tempo lui non avrà risposto il tribunale scioglierà comunque il vincolo matrimoniale.



Una nuova frontiera in tema di divorzi
Sebbene un grande amore a cui è seguito un matrimonio si meriterebbe di terminare in modo civile, tutti sappiamo che questo non sempre è possibile. Oltre a liti, urla e rabbia, gli avvocati matrimonialisti sono anche abituati a trattare con ex coniugi che spariscono e non si fanno trovare perché magari hanno deciso di andare dall'altra parte del mondo senza lasciare un recapito.
In queste situazioni non è giusto negare la possibilità a chi lo vuole di ottenere il divorzio, perciò ogni mezzo per rintracciare l'altro diventa lecito e in questo caso approvato dalla legge.
Dopo questa sentenza americana, anche in Italia basterà la freccina di avvenuta visualizzazione su facebook per avere la prova della notifica degli atti giudiziari?

© Amando.it - Riproduzione Riservata

Chiudi | Mostra/Nascondi Immagini | Stampa