Questo sito contribuisce alla audience di
 Home » Racconti » Leggi...

E fu quando scomparve la stella,...





E fu quando scomparve la stella, forse la più bella, che non riuscii più a toglierti dalla testa, nessun motivo a parte la mia più sincera voglia di vederti, sono onesta. Credere che è tutto facile non è difficile, ma è difficile non credere che qualcosa è li per prendere te, pretendere te e la tua anima vendere? Del diavolo non si parla in questa chiacchierata, ma di una cosa assai più sconsiderata, giudicata maledetta e dai preti scongiurata. Che n’è dell’amore se di tanto in tanto, per incanto, arriva la passione e lui se ne va in silenzioso pianto? Passione è il nome del tormento, dall’odio più profondo al bene che sento, provate voi a resister alla più grande seduzione, se poteste avere tutto in una singola frazione? Assaggiate in un boccone quello che offre il padrone, perché chi mai sa qual è la punizione per aver ceduto alla suddetta tentazione? Quale pazzo, o sano di mente, non sprecherebbe un solo istante ad ingoiare prepotente ogni briciola di un desiderio filante, un rimpianto succulento in cui pensi di poter morir contento, persino in quello stesso momento. Quella stella che sparì, la vita mia e le mie giornate schiarì, non avevo bisogno di averti fisicamente, sapevo che ero con te e tu con me costantemente, non sentivo il peso della lontananza se mi bastava pensarti in mezzo alla gente, in una piccola stanza. È strano davvero ciò che sto provando, mentre ti scrivo sto anche immaginando, se potessi un solo attimo sentire il tuo buono odore, ringrazierei chi di dovere con in mano il mio cuore, ringrazierei chi quel giorno ci ha fatto incontrare, chi per magia ci ha fatto scoprire, sapevo già d’allora che nella mia vita dovevi stare e per tutta la vita mi dovevi accompagnare. Ecco forse perché, se si tratta di te, nessuna tentazione può resistere a tentarmi, cederei nel momento in cui porterebbero il tuo nome come messaggio, seducendomi come fiori di maggio in un mese d’inverno, come se non te lo aspetti, ma lo vorresti. Volere è potere, diceva un uomo saggio, e io voglio crederci, mi dico con coraggio. Se non oggi, domani. Se non domani, dopodomani.

~ Me stessa. ~

INVIA QUESTO TESTO VIA EMAIL


Da
A
Se vuoi aggiungere del testo nella mail oltre la frase scelta usa il form sottostante


GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami