Home » Racconti » Leggi...

Una lettera di una giovane stude...





Una lettera di una giovane studente. "Miki ma a te piace Steo?" mi chiedeva Silvia dubbiosa guardandomi in modo serioso "N-no... cioè s... no aspetta così così!", dicevo non tanto sicura di quello che avevo appena detto. "Ah... ne sei sicura? Bè allora ti piace Simone?!". Io avevo risposto "Bè, lo trovo carino... nulla più! Ma perché mi fai queste domande??" "No niente, così... tanto per sapere, sai sono dei giorni che guardi spesso Simone e altri giorni che ti incanti a fissarlo!". Diventai rossa per quelle parole appena dette da lei "No, non è vero" e mi misi a ridere per nascondere la verità. Questa è l'ultima conversazione di me e di Silvia prima che lei morisse. Ancora mi pento per non averle detto subito la verità, lei lo sapeva già dall'inizio che a me piaceva Simone ma io non riuscivo a dirle il vero, ora che vorrei farlo lei non c'è più... Silvia come hai potuto lasciarmi? Ancora ricordo i nostri giorni passati insieme, le risate che ci facevamo insieme, i pianti, le grida, le litigate... tutto insieme facevamo... Ora però non più! Ancora mi chiedo perché sei voluta andare quella sera in discoteca... Me lo ricordo eccome quel giorno... Tutto iniziò cosi: Trillò il telefono, io andai a rispondere "pronto", "Ciao Niki sono Silvia. Senti ti va di andare alla festa che ci sarà sta sera alle 10 alla famosa discoteca?" "Sì certo" "Grande... allora alle 9.30 sotto casa mia! Ciau un bacio". Riattaccai il telefono e andai subito a prepararmi, alle 9.30 ero già davanti casa tua che ti aspettavo... eri così bella, la prima volta che ti eri decisa di vestirti con stile. Da casa tua siamo poi andate in piazza, lì due ragazzi tuoi amici ci hanno accompagnato alla famosa discoteca, pioveva forte che neanche si vedeva mentre si guidava, ma tu eri allegra e cantavi quelle nostre canzoni. Arrivate alla discoteca mi hai presa e portata subito dentro, c'era molto chiasso... il rumore, il suono della musica, la gente, tanta gente... mi rendeva confusa e stordita, invece tu eri sempre attiva. Però io non ce la facevo, così mi sono allontanata, fidandomi di te che non avresti fatto cose di troppo e non avresti bevuto. Sono uscita dalla discoteca lasciandoti da sola li dentro... Tu mi avevi detto che volevi rimanere... un ragazzo si avvicinò a me e mi chiese "Ciao, sono Riccardo, posso farti compagnia?" io annui "...E' da molto che ti fisso... ti vedo strana... cos'hai?", io scossi la testa per dir di no. Parlammo a lungo e lui mi chiese se poteva accompagnarmi a casa, io dissi di sì... Tu volevi ancora rimanere... così ti salutai e andai via con lui... erano le 4 del mattino e tu ancora non eri tornata a casa... Mi sono preoccupata così ti ho chiamata "Ciau Silvia... Ma dove sei, è tardi!" "Cia Niki... sono ancora in disco ma sto per venire, mezz'oretta e sono lì da te... ciau un bacio!". Mi chiusi in faccia il telefono, passò mezz'ora e tu non eri ancora arrivata... il telefono squillò "E' lei", dissi tutta felice "Pronto Silvia... dove sei??" "Mi scusi signorina per averla chiamata a quest'ora, ma è stata l'unica a rispondere al telefono... Mi dispiace darle una brutta notizia, ma la sua amica Silvia non ce l'ha fatta! E' deceduta in uno scontro d'auto in autostrada, insieme ad un suo amico, anche lui deceduto poco dopo che siamo arrivati noi... Mi dispiace ancora!". Lasciai la cornetta scioccata dalla notizia... Chi era lì nell'incidente che si salvò mi disse che eravate tutti ubriachi fradici e fumati... non me lo sarei mai aspettato da te... mi dissero che eri distesa a terra in una pozza di sangue morente... eri volata dalla macchina schiantandoti sull'asfalto... Ancora ricordo quelle parole, ancora mi immagino la scena. Ma perché Silvia ti ho lasciato in quella discoteca da sola piena di pericoli?? Solo per andare insieme a quel ragazzo che neanche conoscevo. Tutta la colpa la do a me... sì perché io non sono stata capace di starti accanto, ero presa da tutte altre cose che da te... Non riesco a perdonarmi!! Vorrei tanto ritornare indietro e non lasciarti sola ma star con te tutta la nottata... Forse il tutto non sarebbe successo, forse tu ora non mi avresti lasciata... forse ora saresti stata qui accanto a me... Silvia non ti dimenticherò mai... perdonami!!! La tua migliore amica del cuore Niki

~ PikkolaCic ~

INVIA QUESTO TESTO VIA EMAIL


Da
A
Se vuoi aggiungere del testo nella mail oltre la frase scelta usa il form sottostante


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami