Home » Feste » San Valentino » Tendenze a tavola per San Valentino 2014: vincono tradizione e ricette regionali

Tendenze a tavola per San Valentino 2014: vincono tradizione e ricette regionali

Chef e foodblogger consigliano il menu perfetto per San Valentino

Tendenze a tavola per San Valentino 2014: vincono tradizione e ricette regionali

Per il prossimo San Valentino non ci sono dubbi: prodotti stagionali, di qualità e legati alla tradizione saranno i tre elementi fondamentali per le tavole degli innamorati. Secondo 8 chef stellati su 10 quest'anno vincono le ricette di San Valentino a base di prodotti di stagione come cavolfiore, carciofi, gamberi che battono i tradizionali alimenti afrodisiaci come caviale e ostriche. Per il 14 febbraio trionfa quindi la tradizione gastronomica nazionale con ingredienti semplici e genuini, evitando quindi cibi speziati e aromi pesanti.

Quali sono gli ingredienti preferiti dagli chef?
Da uno studio condotto da “Polli Cooking Lab”, l'Osservatorio sulle tendenze alimentari di una nota azienda toscana in cui sono stati intervistati 110 chef italiani, sono emerse le tendenze per la tavola del prossimo 14 febbraio.
In particolare ecco la classifica degli alimenti prescelti per il menu di San Valentino: carciofi (62%), gamberi (57%), verza (55%), fragole (51%), legumi (47%), cavolfiore (44%).
I motivi? Per il 51% degli intervistati hanno un sapore riconoscibile, per il 48% fanno parte della tradizione del territorio e per il 35% hanno la particolarità di stimolare la fantasia.

Menu specifici o piatti classici?
Quasi 6 chef su 10 degli intervistati proporrà nel suo locale un menu specifico per il 14 febbraio, con percentuali più alte nelle regioni settentrionali (64%). Uno chef su 3 invece non punterà sul tema “San Valentino” supponendo che molte coppie quest'anno organizzeranno una cena a casa o preferiranno festeggiare in modo diverso.

Tra i cuochi che si stanno preparando per la serata più romantica dell'anno c'è Arcangelo Dandini, chef di un noto locale di Roma, che ha deciso di includere nel suo menu il melograno dato che « fin dall'antichità, è stato considerato il simbolo dell’eros, del proibito. Quale momento migliore per esaltarlo che la festa degli innamorati? Io inizierei con una insalata di melograno e orzo perlato, continuerei con una vellutata di cavolfiore, caramello al cumino e polvere di caffè. Proseguirei con un risotto, ricci di mare, pomodoro confit e ricotta, poi dei crostacei, dei gamberi cotti in un brodo alla vaniglia e pepe bianco abbinati a delle puntarelle in insalata con carciofi crudi. Concluderei come dessert con un bel cioccolato bianco liquido, capperi, zenzero e olio evo, a cui si può abbinare il succo di melograno per richiamare l'apertura».

Aurora Mazzucchelli, chef stellato di un ristorante di Bologna segue la filosofia della cucina regionale tradizionale e per il suo menu degli innamorati punterà su prodotti stagionali legati al territorio.

«San Valentino è una festa molto sentita a livello di ristorazione. I piatti in tendenza devono essere abbastanza leggeri, buoni e belli esteticamente. Punterò principalmente su pesce e verdura,
- dichiara la chef - sempre in un contesto di stagionalità e forte legame con il territorio. Partirei con un antipasto di pesce, dove non mancano le olive e i capperi come contorno, per poi passare ad una pasta fresca all’uovo, con ripieni al formaggio, al pesce, oppure gnocchi, evitando paste pesanti. In alternativa, consiglierei una vellutata di zucca, adatta al periodo, gnocchettini di parmigiano o di patate con delle verdure dentro, o anche delle zuppe di cavolo nero e patate».

Niente cena fuori? Ecco come organizzarsi a casa
I festeggiamenti dentro le quattro mura sono sempre più frequenti, sia per ragioni economiche che per la “necessità” di trascorrere San Valentino con i bambini. Qualunque sia la situazione niente deve essere lasciato al caso, dato che ci vuole davvero poco per creare l'atmosfera giusta, con o senza prole.

La foodblogger Paola Sucato spiega come apparecchiare la tavola per San Valentino. «Il 14 febbraio dovrebbe trovare molto più spazio all’interno della casa o comunque in un ambiente familiare per almeno un membro della coppia. Per riscoprire una certa intimità - afferma la Sucato - anche gli oggetti a tavola devono avere un valore intimo e sentimentale: fiori, candele, profumi speziati e della buona musica di fondo non possono non mancare. La tavola, sia essa circolare o rettangolare, ha bisogno di veder valorizzati i due posti, giocando con le luci ed i colori, soprattutto il rosso».

E per chi desidera qualcosa di speciale? «Sorpresa, intimità e romanticismo vanno riscoperti – prosegue la foodblogger - consiglio quindi di prepararsi già da ora con una serie di oggetti: dai dolci al cioccolato o a forma di cuore, dalle tovaglie particolari che richiamano il concetto di coppia, tutto deve essere improntato sulla sorpresa e sulla riscoperta dell’intimità».

A trionfare sulle tavole delle coppie italiane saranno quindi prodotti tradizionali Made in Italy, con piatti regionali della tradizione culinaria privilegiando alimenti stagionali e ricette leggere e gustose, senza aromi pesanti e troppo speziati.

Di Elisa Gamberi © Riproduzione Riservata
TAG  san valentino  
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami