Home » Salute » Sport / Fitness » Yoga in acqua termale

Yoga in acqua termale

Si chiama thermal yoga ed è un metodo particolare che si basa sull’unione tra una disciplina orientale come lo yoga e l’uso più moderno delle acque termali. L’obiettivo è quello di donare un profondo relax psico-fisico

Yoga in acqua termale

La tecnica

Il thermal yoga è una sorta di yoga effettuato in piscine riempite con acqua termale; in questo modo i benefici sono doppi, perché agli effetti della pratica delle asana (le posizioni tipiche dello yoga), si sommano quelli dati dalla permanenza in un’acqua ricca di sali minerali, come appunto quella termale. Tutto questo crea una sorta di azione    d’urto contro lo stress e le tensioni accumulate. Questa disciplina non può, però, essere considerata a se stante,  perché per eseguire lo yoga in acqua bisogna eseguire anche il metodo classico. Quindi non è una metodica  differente, ma un completamento del lavoro fatto fuori dall’acqua. Prima e/o dopo la sessione in acqua l’insegnante invita i partecipanti alla pratica a terra.

Abbinare lo yoga in acqua a quello normale implica una serie di vantaggi. Per prima cosa l’acqua offre la possibilità di effettuare posizioni complicate che difficilmente potrebbero essere svolte a terra. L’assenza di gravità infatti, permette di muoversi con maggiore libertà e scioltezza. Inoltre il carico articolare in acqua è quasi nullo. 


L’acqua aiuta la mente

L’ambiente acquatico aiuta sia la mente che il corpo; per prima cosa c’è una grande affinità tra l’acqua e l’organismo perché il corpo è composto per la maggior parte di acqua, elemento necessario alla sua vita; trasporta  le sostanze nutritive, alleggerisce il sangue, elimina le tossine, favorisce la  digestione e smuove le adiposità. Per questo motivo quando si sta in acqua si sta bene, sembra di ritornare all’ambiente uterino e si sperimentano  sensazioni di sicurezza e protezione. Certo lo yoga può essere praticato in una piscina normale, ma se si effettua la lezione in acqua termale i benefici sono maggiori, grazie alla ricchezza di minerali e alle proprietà specifiche. Dal momento che le acque termali sono varie, quella migliore per eseguire lo yoga è l’acqua calda e salso-bromoiodica, ricca di cloruro di sodio, bromo e iodio, potenti antinfiammatori, antisettici e stimolanti del sistema immunitario.


I benefici

Questa disciplina, unita a quella classica, apporta una serie di benefici sia a livello psicologico che fisico. È importante però non considerare la metodologia come una sorta di fisioterapia o di trattamento di bellezza, perché è una disciplina che agisce molto più in profondità, riporta armonia e equilibrio e permette di vivere esperienze uniche. Attraverso la yoga terapia in acqua tutti sono in grado di ricordare memorie sopite e questo aiuta a approfondire la conoscenza di sé e a trovare un’identità più stabile. Si prova poi un senso di rilassamento e benessere profondo perché l’energia geotermica delle acque termali si combina con le tecniche di respiro e concentrazione che, tramite posture, consentono il raggiungimento di un rilassamento senza pari. I benefici fisici sono numerosi: migliora la circolazione sanguigna, si riducono i depositi di lipidi e la ritenzione idrica, si sciolgono i blocchi e le tensioni muscolari.

Di © Riproduzione Riservata
TAG  yoga  
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami