Home » Salute » Sport / Fitness » Conoscete lo yoga per i piedi? Si chiama toega

Conoscete lo yoga per i piedi? Si chiama toega

Per la salute dei piedi e migliorare la mobilità delle dita pratichiamo un po' di teoga, lo yoga dedicato alle estremità. Ecco alcuni esercizi

Conoscete lo yoga per i piedi? Si chiama toega

Usare i piedi in modo corretto è semplice ma spesso, complici posture sbagliate e difetti che si acquisicono nel tempo per poi sembrare persino naturali, tendiamo a caricarli ulteriormente obbligandoli a "sforzi" ed eccessi inutili. Restituire alle nostre estremità il loro giusto ruolo, dunque, è fondamentale. I piedi sono le "radici" del corpo, su di loro c'è il carico del peso e, dunque, vestono un ruolo fondamentale per la salutee il benessere complessivo dell'organismo. Possiamo fare molto, anzi moltissi, praticando quotidianamente una sequenza di "toega", lo yoga dei piedi.

 

Il risveglio dei piedi

Ogni giorno, per tutto il giorno, costretti da calze e calzature (spesso strette e decisamente poco anatomiche), i piedi hanno bisogno di aiuto, anche se stanno in perfetta salute, figuriamoci se compromessi da qualche seppur minima patologia quale, ad esempio, l'alluce valgo. Nel tempo perdono la loro forma naturale ma, soprattutto, il modo di interagire con la terra su cui si poggiano. Se si pensa che il semplice camminare a piedi scalzi arreca un profondo beneficio, possiamo già avere una risposta importante su come contribuire alla loro salute. Ma possiamo fare sicuramente molto di più.

 

Piccoli esercizi quotidiani

Fare toega non prende molto tempo ma... nel tempo avrà i suoi importantissimi frutti. Si tratta di incidere su piccoli cambiamenti quotidiani, spesso neanche percettibili, che però avranno un grande impatto. L'obiettivo? Migliorare la mobilità, la flessibilità e la forza nelle caviglie, nei piedi e nelle loro dita. Due volte al giorno per 10 minuti: è una prescrizione fattibilissima!

 

Primo piano sull'alluce

Si chiama "Rooting the big toe" ed è focalizzato sulla mobilità dell'alluce. È un esercizio un po' difficile all'inizio (sempre perché non siamo abituati o meglio ci siamo disabituati a fare certi movimenti) ma già dopo poche pratiche si possono constatare netti miglioramenti. Ecco come eseguirlo.

Appoggiare bene tutto il piede a terra. Premere l'alluce a terra sforzandosi di tendere le altre dita del piede verso l'alto. Tenere questa posizione per 10 secondi e ripetere 3 volte.

Un altro esercizio molto efficace è il "Big toe under". Mettere il piede verticale rispetto al pavimento. Portare l'alluce dietro e le altre dita avanti, mantenendo questa posizione per 30 secondi.

Sempre con il piede nella stessa posizione di partenza, eseguire il movimento contrario ("Big toe out"), ovvero portare l'alluce in avanti e le altre dita indietro, sempre mantenendo la posizione 30 secondi.

 

Massaggio delle dita

Incrociare le dita della mano tra quelle del piede. Rimanere in questa posizione per una decina di secondi. Inizialmente si potrà avvertire un po' di fatica nel distanziare un dito dall'altro, ma può essere normale. Le articolazioni sono pigre e così facendo possiamo dar loro una mano a risvegliarsi e a riacquisire il loro compito.

 

...e della pallina

In piedi, passare la pianta del piede facendo avanti e indietro su una pallina un po' più piccola di quella da tennis. Lentamente e "sentendo" il beneficio di questo massaggio che ha nei suoi meriti anche quello di attivare la circolazione locale.

 

Pediluvio a fine giornata

Buona regola, al di là di qualsiasi pratica sportiva, è quella di concludere la giornata con un pediluvio. Per alleggerire i piedi e detossinarli, immergersi per una decina di minuti in una bacinella di acqua calda, fate sciogliere un cucchiaio di sale grosso e, in medesima quantità (5 gocce) versate gli oli essenziali di lavanda ed eucalipto. Quindi asciugare con un panno caldo e applicare una crema idratante specifica.

Di , © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami