Home » Salute » Sport / Fitness » Slanci per rassodare i glutei - Parte 1 di 6

Slanci per rassodare i glutei

Gli slanci per i glutei ampliano la gamma di esercizi per allenare questi muscoli. Insieme allo squat, agli affondi e al ponte, gli slanci per i glutei consentono una contrazione efficace attraverso dinamiche a corpo libero che sfidano la forza di gravità

Slanci per rassodare i glutei

Gli slanci per i glutei rispondono ai requisiti dell’allenamento calistenico (esercizi a corpo libero che sfidano la forza di gravità utilizzando il solo peso corporeo) e risultano efficaci perché isolano il distretto muscolare a cui è riservato lo sforzo.

Interessato dal ritmico arco di movimento della gamba, il gluteo è sollecitato in modo molto intenso ed è costretto a lavorare “sotto stress” in un tempo relativamente breve.

Gli slanci per i glutei si eseguono utilizzando dinamiche che contemplano un'angolazione ampia capace di svolgere al meglio – pur senza sovraccarichi – la fase eccentrica (allungamento delle fibre muscolari) e la fase concentrica (accorciamento). Questa azione deve essere svolta con una certa sollecitudine per ottenere il massimo risultato da un allenamento ascrivibile nell'ambito dell'attività aerobica che, se ben conciliata con il workout isotonico (allenamento con pesi) può risolvere due complicazioni molto note alle donne: il consumo dei grassi e il miglioramento del ritorno venoso.

LEGGI: Strategie per accelerare il metabolismo

Qualcuno suggerisce di utilizzare le cavigliere (fasce imbottite da apporre alle caviglie) per rendere lo svolgimento degli esercizi più intenso. Lasciate perdere la zavorra e concentratevi su respirazione e movimento: il giusto timing e la motivazione vi porteranno a far bruciare i glutei anche senza ammennicoli.

Cosa serve
Oltre gli indispensabili indumenti ginnici (tuta, body, maglia e pantaloncini) e un tappetino (o materassino) tecnico questa volta aggiungerei anche una musica motivazionale di sottofondo. Provate con qualcosa di “cattivo” o comunque di parecchio ritmato: potrebbe rivelarsi una buona strategia per spingervi a terminare il training.

Di Francesco Santoro, © Riproduzione Riservata

PAGINA 1 DI 6
1 2 3 4 5 6 AVANTI
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami