Home » Salute » Sport / Fitness » Esercizi Crossfit: nomi e... » Push up, conosciuti anche come piegamenti sulle braccia

Push up, conosciuti anche come piegamenti sulle braccia

  ↳ In: Esercizi Crossfit: nomi e spiegazioni degli allenamenti
Push up, conosciuti anche come piegamenti sulle braccia

Tra gli esercizi a corpo libero i push up sono tra gli quelli più diffusi, praticati e purtroppo anche mal eseguiti. I piegamenti sulle braccia sono davvero fenomenali per allenare e potenziare la parte superiore del corpo, a patto che siano ben eseguiti. Nei wod vengono spesso proposti tra gli esercizi di crossfit del giorno perché oltre a modellare i muscoli sono un esercizio dinamico che fa lavorare molto anche a livello cardio.

 

Cosa serve

Niente! Si tratta di un esercizio "economico" in termini di attrezzi. Basta saper impostare e mantenere la posizione e cominciare a "pompare".

 

Come si eseguono i push up

Per una corretta esecuzione dell'esercizio è necessario mantenere le braccia vicino al busto (più o meno in corrispondenza dell'apertura delle spalle) durante tutta l'esecuzione, ovvero sia durante la salita che durante la discesa.

Se siete dei principianti è bene cominciare con le ginocchia appoggiate a terra, così eviterete di sovraccaricare troppo le braccia che, per eseguire bene la posizione, devono essere forti e allenate.

Se invece siete mediamente allenati potete cominciare con la posizione base che è quella del plank, il corpo è a pancia in giù, le braccia sono tese, i piedi sono uniti in appoggio sugli avampiedi tutto il corpo deve essere perfettamente allineato, mantenendo il core attivo.

Si parte con l'esecuzione piegando i gomiti che devono rimanere vicini al busto ed essere rivolti all'indietro, quindi no ai movimenti esterni. In questo modo lavoreranno molto anche i bicipiti femorali. Arrivati a toccare terra ci si deve risollevare mantenendo il corpo in linea e spingendo sui palmi delle mani.

 

Facendo i push up lavorano tantissimi muscoli: pettorali, tricipiti, deltoidi, spalle, braccia in più il lavoro isometrico di mantenimento del corpo in linea fa lavorare anche addominali, flessori dell'anca e anche i glutei.


Di Elisa Gamberi, © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami