Home » Salute » Psicologia » Sinergologia: lo studio dei gesti e delle espressioni corporee

Sinergologia: lo studio dei gesti e delle espressioni corporee

Il corpo parla un suo linguaggio spontaneo, senza mentire. Sappiamo leggerlo e comprenderlo?

Sinergologia: lo studio dei gesti e delle espressioni corporee

La sinergologia è la disciplina che studia il linguaggio non verbale delle persone e tutto ciò che esprimono (pensieri, emozioni e desideri) senza necessariamente parlare.

Si tratta di una disciplina nata 15 anni fa e si basa sulle ricerche di Philippe Turchet.
L'obiettivo della sinerologia è capire il funzionamento della mente a partire dal linguaggio corporeo e stare meglio con gli altri. L'importante è saper ascoltare il corpo e comprendere il suo modo di esprimersi.

Sinergologia
La sinergologia è la disciplina che analizza e interpreta i gesti delle persone, basandosi sul principio che il corpo non mente. Vengono perciò studiati quei piccoli gesti e movimenti involontari e le espressioni del corpo attraverso cui le persone, in maniera inconsapevole, esprimono emozioni e desideri. La sinergologia è arrivata a catalogare circa 2.200 gesti, li ha interpretati, codificati e attribuito loro un significato.
La comunicazione verbale umana è affiancata sempre da una serie di gesti e atteggiamenti, alcuni dei quali sono razionali e volontari, ma molti altri sono impulsi che si compiono senza accorgersene e che provengono dall'inconscio. E proprio perché questi comportamenti non sono consapevoli forniscono una grande quantità di informazioni importanti su ciò che la persona è realmente, al di là dei condizionamenti.

Sinergologia lo studio dei gesti e delle espressioni corporee
Il significato dei gesti
Studiare il linguaggio non verbale non significa interpretare una situazione attraverso un unico gesto e non si può capire una persona osservando semplicemente come muove una mano o la testa. La sinergologia non ha degli schemi preconfezionati e non usa luoghi comuni, ma la persona viene analizzata nell'insieme dei suoi gesti e dei movimenti, perché è tutto il corpo che esprime un certo pensiero, emozione o intenzionalità.
Secondo Philippe Turchet nel modo di essere di ciascuno si possono individuare tre livelli: la pulsione, l'emozione e il sentimento. Ogni livello viene considerato e a ciascuno corrisponde un punto diverso di osservazione del corpo. Per osservare una pulsione è importante osservare i movimenti micro, per cogliere l'emozione bisogna concentrarsi sulla gestualità e per capire un sentimento si deve prendere in esame l'intera figura.
I micromovimenti possono essere:

  • Microfissazioni: in cui la persona è immobile tesa alla concentrazione e all'ascolto dell'interlocutore
  • Microcarezze: movimenti quasi impercettibili legati al benessere della persona o al desiderio di accarezzare l'altro.
  • Micrograttamenti: una sorta di prurito che ha bisogno di essere grattato.

Ogni micromovimento ha un significato particolare se fatto in una determinata zona del corpo o in un determinato atteggiamento e va considerato anche in relazione al contesto generale delle due persone a colloquio.

Sinergologia lo studio dei gesti e delle espressioni corporee
A cosa può servire la sinergologia
Capire i gesti dell'altro aiuta a rafforzare il rapporto di fiducia tra adulti, all'interno di una coppia, tra amici, ma anche sul lavoro. Inoltre attraverso la sinergologia i genitori possono imparare a comprendere i gesti dei figli che spesso faticano ad esprimere le emozioni.
In Italia si tratta di una disciplina ancora poco conosciuta e c'è un unico centro di insegnamento riconosciuto dall'Associazione internazionale di sinergologia.
In Francia, Belgio, Spagna e Olanda è invece diffusa, e viene insegnata attraverso tre stadi progressivi.

Di © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami