Home » Salute » Psicologia » Piccolo manuale di autostima

Piccolo manuale di autostima

Conoscersi, comprendere e accettare i propri limiti, visualizzare obbiettivi e fare scelte. Avete già raggiunto una sufficiente stima di voi stessi?

Piccolo manuale di autostima

Tutti continuano a ripetercelo: bisogna avere più stima di sé! Per molte persone però non è così semplice e talvolta non è sufficiente nemmeno avere successo, carriera, soldi, per credere in se stessi.

Allora l'autostima da cosa dipende? Si nasce pieni di fiducia in sé o si costruisce nel tempo? Ecco alcune semplici soluzioni per cercare di trovare l'equilibrio interiore e vivere serenamente la propria vita.

Autostima, ovvero fiducia di sé
L'autostima non è una caratteristica che ci troviamo alla nascita, ma è legata a esperienze ed eventi che le danno un valore assoluto, una conquista che risale alla nostra infanzia, quando i genitori dovrebbero dosare la loro presenza rassicurante, alternandola a spinte di autonomia indispensabili per la crescita. E chi è padrone delle proprie scelte è poi più aperto al mondo esterno; al contrario una bassa autostima impedisce di migliorare la qualità di vita perché si pensa in maniera negativa e sbagliata.
Inoltre, chi non ha davvero fiducia di sé stesso tende ad essere passivo e a rinunciare in partenza alle cose, pensando di non meritarselo, di non essere abbastanza bravo etc.
Invece bisogna diventare consapevoli dei propri limiti, per poi trasformarli in libertà di azione e fare una lista dei desideri messi da parte, individuando cosa li ha bloccati.
È fondamentale smettere di richiedere l'approvazione altrui e concentrarsi sui propri progetti i vita.

Realizzarsi
Chi ha una scarsa autostima ha buoni propositi, ma non riesce mai a portarli a termine e talvolta non riesce nemmeno a fare il primo passo. Per questo è importante iniziare da alcuni suggerimenti pratici ed essere onesti con se stessi! Fai così:

  1. Faccio chiarezza elencando cosa mi piace e cosa no di me stesso; penso ai momenti in cui sono stato capace di fare qualcosa e quando mi sono sentito importante. Quali sono gli ostacoli e cosa non vorrei che si ripetesse più nella vita.
  2. Faccio un elenco di quali desideri o ambizioni nati nel passato ho realizzato e come ho trasformato un sogno in realtà.
  3. Stilo un elenco senza limiti di ciò che vorrei fare, essere, avere, imparare, e scrivo tutti gli obiettivi che vorrei raggiungere nei prossimi anni, assegnando un tempo a ciascuno.
  4. Guardo i miei limiti in faccia, li affronto e indico cosa ritengo di dover fare per centrare gli obiettivi.
  5. Stabilisco un piano di azione e misuro i miei progressi.


Principi guida
Nathaniel Branden, psicoterapeuta studioso dell'autostima, sostiene che esistano 6 principi guida che aiutano le persone a scoprire e accettare se stesse.

  • Comprendere i propri valori, bisogni e obiettivi e quale direzione si desidera prendere nella propria vita.
  • Accettare tutto di sé, i lati positivi e quelli negativi, pensieri, emozioni e comportamenti che non devono essere respinti anche se c'è qualcosa che vogliamo cambiare.
  • Imparare a badare a se stessi e impegnarsi per realizzare la propria idea di felicità.
  • Difendere quello in cui si crede e dare voce alle proprie convinzioni, valori e sentimenti.
  • Conoscere sé stessi e identificare i propri bisogni e obiettivi.
  • Essere leali e coerenti, mantenendo fede ai propri principi e alle promesse.

Di , © Riproduzione Riservata
TAG  autostima  
CONDIVIDI

1 COMMENTI   Vuoi lasciare un commento?

  1. Inviato da Laika
     

    eh..tutto giusto ma...praticamente??? come si fa??

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami