Home » Salute » Psicologia » Ottimismo per guarire prima

Ottimismo per guarire prima

Una nuova ricerca italiana ha dimostrato che chi è ottimista e fiducioso nelle terapia guarisce prima e migliora il suo stato di salute. Al contrario se ci si abbatte o demoralizza tutto è più lento, dagli effetti delle cure alla durata della malattia, al suo decorso.

Ottimismo per guarire prima

OttimismoLa mente umana
Non si sa ancora bene quale ruolo ha la mente nei processi di guarigione, ma ciò che è sicuro è il fatto che basta credere che una cura faccia effetto per provare un giovamento reale, anche se in realtà la cura in sé è del tutto inattiva. Si tratta del famoso effetto placebo, il fenomeno che dimostra come ci sia un miglioramento anche somministrando un farmaco inerte, se la persona è convinta della sua efficacia. Sia che si tratti di suggestione o di ottimismo, l’attitudine psicologica sembra essere fondamentale per migliorare o peggiorare un disturbo.

L’effetto placebo
Pillole effetto placeboPer effetto placebo si intende la reazione di benessere e giovamento che si verifica quando si è certi di assumere una medicina efficace, anche se questa in realtà è priva di sostanze curative. Il termine deriva dal latino e significa “piacerò”, ovvero indica che il farmaco o la cura data, servono solo per compiacere il paziente, ma sono del tutto inattive farmacologicamente.

La malattia
Quando un medico annuncia al paziente la diagnosi di una malattia, le persone sono chiamate a confrontarsi emotivamente con la notizia. Inizialmente c’è incredulità, stupore, paura. Poi con il passare del tempo ciascuno, in base al proprio carattere, elabora una propria capacità di adattamento al problema. Chi ha una personalità forte riesce a razionalizzare e mette in atto strategie per fronteggiare il problema; chi è più fragile, si demoralizza, o rimane bloccato dalla paura. Ovviamente la paura, la demoralizzazione e lo spavento sono tutti sentimenti normali e naturali, però si è notato come essere fiduciosi nelle cure aiuti il decorso della malattia.

La riflessione sulla malattia
Coloro che sono stati colpiti da una malattia dovrebbero fare un percorso di riflessione su quanto sta accadendo, così da interpretarlo nel modo più razionale possibile. Per prima cosa bisogna capire che non si è sfortunati più degli altri, ma semplicemente che come altre persone si è stati colpiti da un problema di salute e bisogna affrontarlo. Si può chiedere l’aiuto di un medico di fiducia che possa aiutare a comprendere i meccanismi d’azione delle cure. Può anche essere utile Affrontare malattia   con ottimismorivolgersi ad uno psicologo, anche solo per una terapia breve.
Avere fiducia nelle terapie attiva nel cervello delle sostanze simili alla morfina (le endorfine), che riducono nettamente il dolore. Al contrario se si ha sfiducia, si attivano tramite un meccanismo di ansia anticipatoria, dei neurotrasmettitori, le colecistochinine, che bloccano la percezione di benessere. Sono molti i medici che consigliano di affrontare a malattia positivamente, perché le emozioni possono influenzare il percorso terapeutico e la guarigione.

Di © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami