Home » Salute » Psicologia » La musica fa bene

La musica fa bene

Sono davvero tanti i benefici che la musica ci regala. Li conoscete tutti?

La musica fa bene

Un tempo le nonne dicevano “canta che ti passa” e, in realtà, non si sbagliavano affatto! La musica fa bene alla salute. Non è solo un piacere, ma ha parecchi effetti terapeutici, scientificamente provati, per tutto l'organismo.
Fa rilassare, sognare, aiuta ad avere energia, perché ascoltando la musica si attivano sostanze e ormoni che influiscono sul benessere psicofisico.

Contro lo stress
La musicoterapia, ovvero la tecnica che usa la musica e il suono per curare molti disturbi, è riconosciuta a livello accademico. Sono numerose le ricerche che dimostrano i suoi effetti terapeutici. Secondo i neuroscenziati Daniel Levitin e Mona Lisa Chanda la musica agisce come antidoto allo stress, favorendo la riduzione di cortisolo, la cui azione è collegata con l'asse ipotalamo-ipofisi-surrene: un complesso che influenza le reazioni allo stress, l'umore e le emozioni.
La musica armoniosa e dai ritmi lenti influenza il respiro, armonizzandolo e riportandolo al ritmo naturale.
Anche in condizioni di paura, ascoltare la musica giusta aiuta a rilassarsi e tranquillizzarsi; viene infatti anche usata per chi ha paura di volare.


Benefica per il cuore
In seguito ad un'esperienza emotiva piacevole, come l'ascolto di musica, aumenta la produzione di endorfine nel cervello, che favoriscono la crescita dell'endotelio, il tessuto che riveste la superficie interna dei vasi sanguigni e del cuore, migliorandone lo stato. Chi ha problemi cardiaci e ascolta della musica che piace, migliora il suo stato.
La musica adatta, basata su ritmo lento e calmo, inoltre, abbassa la pressione perché ha un'influenza sul sistema cardiocircolatorio.

Aumenta le difese
L'ascolto di brani musicali aumenta anche le cellule Natural killer (linfociti NK) e l'immunoglobulina A, entrambe sostanze importanti per il sistema difensivo dell'organismo. I primi servono a riconoscere e distruggere le cellule infette, mentre l'immunoglobulina A è un anticorpo che neutralizza virus e batteri.
Pare che ascoltare musica in seguito ad un intervento riduce i livelli di cortisolo, rinforzando la naturale capacità di guarire e riprendersi.

Favorisce la socialità
Fare musica insieme ad altri crea in modo naturale delle relazioni; questo accade sia perché una passione condivisa favorisce aggregazione, sia perché produrre musica facilita un complesso stato di emozioni positive che predispongono alla socialità. A livello fisiologico è l'aumento di ossitocina favorito dalla musica che aiuta a relazionarsi con gli altri.

Musica in gravidanza
Infine, la musica durante la gravidanza, oltre ad essere un mezzo di comunicazione madre- feto, influisce sulla memoria futura del piccolo e sulla capacità di concentrazione e creatività. In più favorisce lo sviluppo di un carattere aperto.


La play list scaccia tristezza

Jack Lewis, neurologo che studia gli effetti curativi della musica, ha creato una sorta di “Prozac list” con le hit in grado di allontanare ansia e depressione un po' a tutti, come fosse una medicina. Tra questa lista ci sono:

  • Comfortably Numb dei Pnk Floyd
  • Cold Turkey di John Lennon
  • Healing Hands di Elton John
  • What A Wonderful World di Louis Armstrong
  • I Will Survive di Gloria Gaynor

Di , © Riproduzione Riservata
TAG  musica   stress  
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami