Home » Salute » Psicologia » Aiuto! Sono entrati i ladri: come superare lo shock

Aiuto! Sono entrati i ladri: come superare lo shock

Scoprire che qualcuno ci ha svaligiato la casa mentre noi dormivamo o eravamo fuori è un uno shock che può durare per molto tempo. Come riuscire a superare questa brutta esperienza?

Aiuto! Sono entrati i ladri: come superare lo shock

Secondo una classifica del Censis ogni giorno in Italia avvengono 689 furti d'appartamento, 29 ogni ora e uno ogni 2 minuti. Negli ultimi 10 anni questi episodi sono aumentati del 127%; le regioni più colpite sono quelle nel nord-ovest della penisola e le città maggiormente a rischio sono Milano, Roma e Torino.

Purtroppo per un cittadino rientrare in casa e trovarla svaligiata, in disordine e magari anche distrutta è un vero shock, per non parlare di quando i ladri entrano di notte mentre si dorme!
Ovviamente ci si augura sempre che ciò non capiti, ma purtroppo, talvolta non c'è allarme o sistema di sicurezza in grado di proteggerci.

Cosa fare perciò per superare il trauma di un furto?


Tirare fuori le emozioni
Per la maggior parte delle persone la casa rappresenta un luogo sicuro dove riporre gli oggetti più cari e dove vivere la propria intimità e privacy. Ognuno di noi decide chi farvi entrare perché accogliere qualcuno nella propria dimora è come mostrare un pezzo di sé.
Scoprire all'improvviso che qualcuno ha invaso il nostro “mondo” è un trauma al quale ognuno reagisce in modo del tutto personale: c'è chi urla, chi rimane senza parole per un po' di tempo, chi piange. Solitamente le prime emozioni che emergono sono rabbia, incredulità, impotenza che con il tempo si trasformano in una sensazione di paura e insicurezza.
É molto importante, per non trascinarsi a lungo lo shock, far emergere i vari sentimenti, parlandone con qualcuno o semplicemente scrivendo quello che si prova; la cosa è dolorosa ma serve a rielaborare il trauma.

Riordinare e tornare alla quotidianità
Dopo che carabinieri o polizia hanno effettuato il sopralluogo per testimoniare l'accaduto bisogna armarsi di pazienza e iniziare a sistemare i danni che i ladri hanno lasciato. Chiamare un fabbro o un vetraio, se sono state scassinate porte e finestre, dopodiché iniziare a pulire e a mettere ordine. Questo momento è spesso doloroso, ci si accorge di tutto ciò che è stato rubato e, inoltre, la sensazione che si vive è quella di sporco perché un estraneo ha messo le mani nei nostri armadi e cassetti. Lavare tutto e riordinare è perciò fondamentale per poi riprendere piano piano la quotidianità: è importante anche tornare al lavoro, occuparsi della famiglia e fare tutte quelle cose che si facevano prima per evitare che il ricordo negativo rimanga imprigionato nel presente.


 
Non colpevolizzarsi
Inutile pensare che il ladri non sarebbero entrati se noi avessimo avuto più sistemi di sicurezza: purtroppo quando i “topi di appartamento” decidono di svaligiare una casa c'è poco da fare. Quello che è successo dipende dal destino e non da noi, perciò non ha senso soffermarsi a colpevolizzarsi!

Di © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami