Home » Salute » Psicologia » Il potere dei sogni

Il potere dei sogni

L’attenzione nei confronti dei sogni ha origini antichissime; con la nascita della psicoanalisi poi il loro studio ha assunto un carattere scientifico. Ecco un viaggio nella vita onirica delle persone e il ruolo che i sogni hanno per il benessere psicofisico.

Potere dei sogni
Sonno e sogno

Per gli antichi Greci il sonno è l’opposto della veglia, come la morte lo è della vita, e proprio in questa polarità risiede la natura ambivalente dell’esperienza onirica, in quanto cessazione dell’attività conscia e al tempo stesso approccio soprannaturale ai misteri dell’universo.

Secondo la neurofisiologia la tendenza attuale è ancora cercare un significato “definitivo” del sogno. Tuttavia non esiste un’interpretazione unica, ma tutto dipende dall’ottica in cui ci si muove e dai presupposti teorici di riferimento.

La psicoanalisi, prima con Freud e poi con Jung, sostiene che il sogno ha un significato simbolico che arriva dall’inconscio.

  • Freud parla dei sogni come appagamento allucinatorio dei desideri, laddove nella vita cosciente le pulsioni vengono frenate nel sogno trovano espressione, ma in modo mascherato. Perciò se il significato del sogno non è completamente intelligibile, ciò dipende dal fatto che gli istinti che vi si manifestano sono talmente inaccettabili dalla coscienza che si presentano “mascherati”.
  • Jung ha invece una posizione diversa e sostiene che il sogno sia l’espressione di una vita psichica della persona e i suoi simboli emergono nel momento in cui ci si trova in una fase di crisi o di fronte a dei cambiamenti.

Significato dei sogni

Assenza o eccesso di sogni
Nella propria esistenza ci sono momenti in cui si sogna di più e altri in cui invece non ci si ricorda nulla, ma ciò non è indicativo del benessere di una persona.
Ci sono persone, come gli artisti, che sono sempre in contatto con la propria vita simbolica indipendentemente dai sogni che fanno.
Ognuno di noi può comunque stimolare la propria capacità di attingere all’inconscio per esempio nell’arte, nel gioco, nella creatività. Comunque, anche quando non ci ricordiamo, noi sogniamo sempre! E anche in queste fasi in cui perdiamo un contatto con l’inconscio, quest’ultimo si fa sempre sentire in altri modi che sono i più svariati, dai lapsus durante il giorno alla presenza di problemi psicosomatici. In genere lasciare sullo sfondo la propria vita simbolica crea problemi perché l’essere umano è un creatore di simboli e significati.

Sogni

Possiamo interpretare i sogni?

Non esiste un manuale universale dei simboli e ognuno usa un’immagine in modo personale; si può imparare gradualmente, prestando attenzione ai sogni, a farne buon uso.
Questo capita soprattutto a chi fa un’analisi. Talvolta mascheriamo il contenuto dei sogni e mentiamo a noi stessi; per interpretare e capire i sogni è fondamentale che un paziente faccia delle associazioni al contenuto onirico con l’aiuto di un terapeuta. Bisogna sempre ricordare che comunque l’inconscio non si scomoda mai per dirci qualcosa che già sappiamo, e quello che noi mostriamo quotidianamente è solo una piccola parte di ciò che siamo.

Di © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami