Home » Salute » Psicologia » Filosofia del semaforo

Filosofia del semaforo

Fermarsi e pensare: una cosa così semplice spesso non riusciamo a farla, presi dalla frenesia quotidiana. Ma immaginiamoci come davanti ad un semaforo e fermiamoci a riflettere

Filosofia del semaforo

La vita, a causa della frenesia quotidiana, è una lunga strada lungo la quale ogni tanto bisogna riprendere fiato, ricaricarsi e riordinare le idee. Per questo è nata la filosofia del semaforo: avete presente quella manciata di secondi in cui scatta il rosso? Ecco, ogni tanto dovremmo obbligarci allo stop proprio come quando ci troviamo di fronte al semaforo.
La vita non è una galoppata veloce per rincorrere una meta, ma una strada lungo la quale ogni tanto bisogna fermarsi e prendere fiato, perché ne va della nostra salute. Fermarsi al momento giusto significa evitare lo stress, e interrompere ogni cosa stressante mezz'ora al giorno è importante quanto lavorare perché consente di ricaricare le pile e riordinare le idee che nella frenesia quotidiana possono sfuggire.

Credits: Foto di @Free-Photos | Pixabay
Rifletti?
Quanto tempo dedichi a pensare? Dovremmo imparare un po' di più dagli orientali e iniziare a meditare, perché attraverso questa disciplina si svuota la mente e si controlla rabbia, depressione e senso di affaticamento. Per iniziare e imparare le tecniche basta iscriversi ad un corso di yoga un paio di ore alla settimana.

Spegni il telefono
Sarebbe utile che almeno la domenica spegnessimo il telefonino e non ci connettessimo a internet, ma imparassimo a goderci la giornata in silenzio, facendo movimento o leggendo un buon libro. Per chi riesce, anche spegnere il cellulare quando si è a tavola, aiuterebbe a ridurre ansia e stress.

Piangi
Bisogna imparare a sfogarsi, non solo quando sentiamo che rabbia e tristezza ci stanno distruggendo, ma anche guardando un film commovente o leggendo qualcosa in cui ci si immedesima. In questo modo troviamo una via per sfogare le nostre emozioni.

Cammina nella natura
Se trascorriamo la vita solo tra le quattro mura di casa e dell'ufficio, dovremmo imparare ogni tanto a metterci delle scarpe da ginnastica e andare in un parco a passeggiare, è la cosiddetta foresta terapia. Sono sufficienti due passi la mattina prima di andare a lavorare e nel week end qualche gira fuori porta per migliorare le funzioni cognitive, placare lo stress e la tristezza. Se poi si ha un piccolo giardino o terrazzo, anche coltivare fiori e piante è un potente antistress.

Svagati con amici e partner e vai in vacanza
Uscire la sera ogni tanto con gli amici o organizzare una serata diversa con il tuo partner può farti solo che bene. Bisogna avere un po' di buona volontà e programmare una serata alla settimana.
Se pensi che lavorare sempre senza fermarsi mai e meritarsi un po' di riposo faccia bene alle tue finanze, sappi anche che farà male alla tua salute. Quindi cerca di fare anche delle brevi vacanze, dei week end fuori porta o anche semplicemente a casa per dedicarti ai tuoi interessi. Fermarsi ogni tanto riequilibra mente e corpo, e non si tratta di un lusso, ma di una necessità che tutti si devono concedere.

Credits: Foto di @wongyulee | Pixabay
Ricordati di respirare
Talvolta ci dimentichiamo di respirare e la conseguenza è che il cuore incomincia a battere forte e si avverte un senso alla gola. In questi casi fermati e respira, ossigenerai il cervello e allevierai l'ansia. Come fare? Inspira, trattieni il respiro per qualche secondo e poi espira svuotando i polmoni. Si può ripetere l'esercizio una decina di volte quando ci si sente agitati e ansiosi.

Di , © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami