Home » Salute » Psicologia » In ogni donna c'è una dea

In ogni donna c'è una dea

Dentro ogni donna si nasconde una dea, scopri a quale assomigli tu!

In ogni donna c'è una dea

Perché le donne molto spesso sono complesse, mutevoli, contraddittorie? Perché dentro di loro vivono delle personalità tipiche delle divinità greche e spesso ognuna di noi non ne raffigura solo una. In realtà possono coesistere più dee, a seconda del momento della vita che stiamo attraversando.
Conoscendo le divinità e mescolando le loro personalità possiamo migliorare la nostra autostima e superare i nostri limiti.

Il terapista junghiano Jean Shinoda Bolen ha individuato le potenti forze e i modelli interiori che influenzano e condizionano le azioni, i pensieri e i sentimenti delle donne e li presenta associandoli a sette divinità femminili della mitologia greca. In ogni donna possono esistere più dee, a seconda delle fasi della vita; vediamo insieme quali sono.

Demetra: la madre generosa
Per la donna che assomiglia a questa divinità il fulcro della vita è la famiglia e deve prendersene cura, sostenerla e nutrirla. Si può essere una Demetra anche se non si hanno figli, magari svolgendo professioni di aiuto o cura.Nelle amicizie si lega a persone simili, che la sostengono emotivamente e praticamente, mentre nel campo maschile, attrae uomini che amano le personalità materne. Il rischio in tutto ciò è quello di fare sempre la parte della mamma indispensabile e super controllante, rendendo gli altri insicuri e facendoli sentire inadeguati. Quindi va bene un po' di istinto materno, ma bisognerebbe farsi aiutare da Afrodite, che valorizza ciascuno per ciò che è.

In ogni donna c'è una dea
Afrodite: donna e amante creativa
Questa donna, è piena di fascino, amante dell'amore, sensuale e sexy; il segreto è che ascolta e valorizza le persone, vivendo la propria vita senza badare alle opinioni altrui. Si lega a persone che apprezzano la spontaneità, ma si innamora di uomini sbagliati, lunatici, introversi o farfalloni. Facendosi guidare solo dal proprio istinto seduttivo, il rischio di Afrodite è quello di attrarre uomini che non interessano o incappare in relazioni che non rendono felice. Per questo chi si rispecchia in Afrodite dovrebbe fare spazio a Estia, che aiuta a diventare più consapevoli.

Estia: saggia e spirituale
Questa Dea vive concentrata su se stessa e sulle proprie esperienze interiori; ama la tranquillità e la pace, che ritrova stando da sola. L'armonia è per lei rappresentata dai piccoli gesti quotidiani, come ordinare la casa. Ha poche amicizie, ma quelle che ha le ascolta volentieri; non ama stare al centro dell'attenzione e solitamente si lega a partner tradizionalisti. Questa donna dovrebbe cercare di esprimersi di più per dare a chi si avvicina la possibilità di essere conosciuta meglio, magari sviluppando un po' di aspetti tipici di Artemide o di Atena.

In ogni donna c'è una dea
Atena: strategica a caccia di potere

Atena tende ad usare troppo la testa e poco il cuore, persegue i suoi obiettivi personali in campo lavorativo, anche lottando fervidamente. Quando intraprende un'azione non si chiede se sia giusta o sbagliata, ma se è utile per lei. Chi assomiglia a questa dea preferisce la compagnia maschile di uomini forti, pieni di risorse. Tuttavia è troppo severa e critica ed il rischio è quello di intimidire e spegnere gli altri. È necessario dare spazio alle emozioni e agli istinti imparando da Afrodite e da Estia.

Artemide: indipendete e competitiva
La donna simile a questa dea ha un forte senso di giustizia e lavora molto per realizzare i propri ideali, ma non perché vuole raggiungere uno status economico o sociale elevato: una volta raggiunto il traguardo si sente sollevata e libera di intraprendere qualcosa di nuovo. Il suo stile di vita è zingaro, non ricerca una casa o una famiglia tradizionale, ma ha un forte senso dell'amicizia e tratta tutti come fratelli o sorelle. Il rischio è quello di trattare anche gli uomini come dei fratelli, non accorgendosi talvolta di ferire chi la circonda, che forse ha bisogno di altro da lei.
Dovrebbe aprire la sua intimità e connettersi agli altri in maniera più profonda, ispirandosi a Demetra o Afrodite.

Era: moglie fedele e perseverante
Era è la dea del matrimonio, per lei nulla è più importante di questo. E se è single si allea momentaneamente ad altre donne simili, per poi scaricarle prontamente quando trova un partner. Questa divinità si ferma spesso all'apparenza e non valuta le persone per ciò che sono; il rischio è quello che rimanga delusa e si arrabbi. Quando le cose non vanno come vuole, dovrebbe imparare un po' da Persefone, dedicandosi ad attività creative o manuali, che trasformano la rabbia in energia positiva.

In ogni donna c'è una dea
Persefone: la figlia ricettiva
Questa Dea ha una personalità giovane e poco definita, ha poca iniziativa e una scarsa perseveranza nelle cose, ma in compenso è aperta a nuove esperienze. Solitamente le sue amiche sono delle Dee come lei o come Demetra e attrae uomini che non si sentono a loro agio con donne mature. Il rischio però è essere troppo passive e compiacenti e farsi mettere i piedi in testa, perdendo di vista i propri desideri, ma si può migliorare con l'aiuto di Artemide e Atena.

Di , © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami