Home » Salute » Psicologia » Ancora ansia e paura dopo 13 anni dall'11 settembre 2001

Ancora ansia e paura dopo 13 anni dall'11 settembre 2001

Oggi è la ricorrenza dell'atto terroristico alle torri gemelle del 11 settembre. A distanza di 13 anni cos'è cambiato? E qual è la percezione che le persone hanno su sicurezza e pericolo?

Ancora ansia e paura dopo 13 anni dall'11 settembre 2001

11 settembre 2001: 2 voli civili vengono dirottati e fatti schiantare contro le Torri del Trade Center di New York, un altro aereo viene dirottato contro il Pentagono e il quarto velivolo, che aveva come obiettivo la Casa Bianca di Washington, si schiantò in un campo vicino Shanksville. Gli atti terroristici di matrice fondamentalista islamica fecero circa tremila vittime e lasciarono nello sconcerto totale tutto il mondo.
L'impatto psicologico che questo evento ebbe fu davvero pesante, non solo tra la popolazione Americana, ma anche straniera.

Ansie e Paure tra i cittadini americani
Fin da subito l'America ha considerato di primaria importanza investire sulla salute mentale dei suoi cittadini, in quanto si immaginava come un evento del genere potesse mettere in serio pericolo la psiche umana. Per questo motivo sono stati offerti servizi di assistenza psicologica gratuita a tutti. Ma da un bilancio effettuato poco tempo fa, il 35% delle persone che al momento dell'attacco erano nelle vicinanze dei luoghi del disastro, tutt'oggi risente dei disturbi post traumatici da stress. Ansia, attacchi di panico, depressione e terrore sono le situazioni maggiormente presenti.


Credits: Foto di @Armelion | Pixabay
Cosa è cambiato dopo l'11 settembre 2001
Questo enorme disastro ha però minato la sicurezza mondiale e non solo americana; è cambiata la percezione del pericolo, la consapevolezza che una borsa abbandonata in stazione o in aeroporto potrebbe contenere una bomba, e che una persona con in mano un accendino potrebbe farsi esplodere da un momento all'altro.
Ci si spaventa molto più di prima
quando si sente il rumore di uno scoppio in un centro commerciale, e in luoghi pubblici e affollati ci si guarda più spesso intorno, come se si volesse controllare la situazione.
Sul piano pratico sono cambiate le norme di sicurezza, i controlli e le regole sia in aeroporto che prima di salire su un volo.
Qualche psicologo e psichiatra sostiene anche che non solo gli avvenimenti dell'11 settembre, ma tutte le situazioni di guerra e terrorismo che viviamo ogni giorno da qualche anno a questa parte attraverso tv e giornali, stanno aumentato la sensazione di panico e instabilità delle persone. La vita continua, si va avanti e si cerca di guardare al futuro, ma è cambiata la percezione della sicurezza, e paura e panico sono sempre dietro l'angolo.

Di © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami