Home » Salute » Psicologia » Allenare l'intuito

Allenare l'intuito

Talvolta capitano cose strane, quasi magiche. Come quella volta in cui si è “sentito” di dover assolutamente andare in un posto e poi è avvenuto un incontro importante, o quando, dopo aver pensato per giorni ad una persona, la si incontra per caso per la strada. Se in alcuni casi si tratta di semplici coincidenze, in altre sembra quasi sia la voce del nostro intuito a parlarci.

Allenare l'intuito

L’intuito
Nella nostra cultura non veniamo abituati a ad ascoltare la voce dell’intuito, mentre sarebbe importante imparare ad ascoltarla, perché potrebbe aiutarci in molte scelte della vita. Esistono due sistemi di pensiero che possono essere usati per prendere una decisione: il primo è intuitivo, il secondo razionale. Quando la scelta che dobbiamo fare riguarda un ambito emotivo, ovvero quando ciò che sceglieremo avrà un impatto sul nostro benessere psicologico futuro, usare il sistema razionale e analitico può essere rischioso, perché ci porta a sottovalutare le emozioni. Eppure diamo tutti più credito alla testa, piuttosto che alla “pancia”. Non significa che bisogna seguire alla lettera le indicazioni della parte irrazionale, ma bisogna darle dello spazio, iniziare a conoscerla. Ma si può davvero allenare l’intuito, affinché ci indichi la strada della felicità?

Credits: Foto di @jambulboy | Pixabay
Imparare a fidarsi di sé stessi
Molte persone quando devono scegliere anche una cosa banale (dove passare le ferie, quale vestito comprare, etc..) vanno in preda al panico e incominciano a
 chiedere consiglio a chiunque. Alla fine il risultato è che sappiamo esattamente cosa pensano gli altri, ma non abbiamo idea di ciò che vogliamo noi. Se i sondaggi tra amici e parenti possono dare delle indicazioni utili, gli unici che hanno la risposta  giusta, per ciò che riguarda la nostra vita, siamo noi. Se ci circondiamo di troppo rumore esterno però, non possiamo ascoltare la nostra voce interiore. Il primo suggerimento, quindi, è sedersi per qualche minuto, in silenzio, la mattina  appena alzati, e farsi alcune domande sulla questione da risolvere, e provare a rispondere di getto. Un altro modo per imparare a decifrare l’inconscio è prendere nota delle sensazioni che ci restano dopo un sogno, notturno o ad occhi aperti. Rileggendole, si avranno degli indizi su ciò che il sesto senso ci suggerisce di fare.

Esercitarsi

Spesso si ha paura di seguire l’intuito e lasciarsi andare, mentre sarebbe utile concedergli qualche beneficio, magari
mettendolo alla prova su delle piccole cose. Solo facendo pratica si diventa più esperti e veloci nel capire cosa è meglio per noi. È importante soprattutto imparare a distinguere l’intuizione dalle proiezioni; infatti, ogni volta che ci prepariamo per un evento importante, come un colloquio di lavoro, o una cena con una persona che ci piace, automaticamente compensiamo le nostre parti più fragili, cioè quelle che hanno paura di fallire, con delle proiezioni, ovvero immaginiamo come andrà l’incontro, cosa diremo, e cosa ci dirà l’altra persona. Il risultato è che perdiamo la spontaneità, non riuscendo più a percepire né le nostre sensazioni, né quelle che ci arrivano dagli altri. Il trucco è restare in contatto con se stessi e cogliere i segnali che ci vengono dagli altri.

Di , © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami