Home » Salute » Dieta / Nutrizione » La dieta mediterranea aiuta l’ambiente

La dieta mediterranea aiuta l’ambiente

La nostra alimentazione ha inevitabilmente un impatto sull'ambiente. Scegliendo però la dieta mediterranea, fatta di prodotti nostrani, questo impatto verrà notevolmente diminuito.

La dieta mediterranea aiuta l’ambiente

Dieta mediterranea e impatto ambientaleAvrete sicuramente sentito parlare di chi, per un esperimento quasi “scientifico”, ha provato a vivere per un mese in modo green, cioè senza usare tutto quello che ha un impatto sull’ambiente, dall’uso di mezzi senza benzina sino a evitare l’uso dell’energia elettrica e a tutte quelle comodità cui siamo abituati.
Sicuramente siamo consapevoli che alcune situazioni e comportamenti generano un impatto ambientale di un certo tipo, come usare l’auto per fare 500 metri, ma non siamo sicuramente consapevoli che anche quello che mangiamo può portare danni più o meno intensi all’ambiente.
Il primo impatto è la confezione, e sicuramente alcune causano più danni di altre, ad esempio quelle non riciclabili perché miste e non divisibili. Sorvolando su questo, anche il prodotto stesso ha dei costi ambientali diversi, cioè produrre carne, formaggio, pasta, cereali o verdura ha un impatto differente. Tutto questo non possiamo che associarlo alla dieta mediterranea, che è nata in Italia, diventando addirittura patrimonio dell’umanità con dichiarazione dell’Unesco. In una recente conferenza a Roma si è dimostrato che seguire la dieta mediterranea aiuta l’ambiente e lo spostamento verso una dieta più “carnivora”, registrata in questi ultimi anni, è dannoso alla nostra terra. Strano, vero? E invece è proprio così.

La dieta mediterranea, in quanto tale, presuppone l’uso di prodotti locali, comunque italiani: pomodoro, olio, pasta, riso e poi frutta, verdura e legumi, uova e anche latte. Ma carne e pesce e formaggio sono in cima alla famosa piramide che siamo abituati a vedere quando si parla di nutrizione e ora, vedendo la piramide in base a quanto questi alimenti pesano sull’ambiente, viene spontaneo chiedersi come mai sono i primi su tutti.

Bistecca fiorentinaParliamo della bistecca, innanzitutto se è carne non italiana, ci sono tutte le implicazioni del trasporto dall’estero all’Italia, quindi la carne argentina è sicuramente buona, ma va trasportata e il trasporto significa benzina, emissioni nocive, traffico e credo sia abbastanza. Però, anche se parliamo di carne italiana, i costi sono comunque più alti, costi per quanto riguarda l’ambiente. Non ci si pensa a quanto serve mantenere un allevamento bovino, il cibo che deve essere dato, il consumo di acqua per il cibo, per la pulizia, l’abbeveraggio e la corrente per le stalle e poi c’è la macellazione, il mantenimento di queste strutture, lo smaltimento dei rifiuti che sono rifiuti speciali e poi il trasporto ai dettaglianti. Come vedete una catena che coinvolge molti più consumi di quanto ci si possa immaginare. Quando ora mangerete una bistecca vi immaginerete tutto questo? Non vuol dire che la carne va proibita, perché deve fare parte della nostra alimentazione, ma la riduzione delle quantità è utile.

Pesce frescoE il pesce? O siamo fortunati e abitiamo in un luogo di mare, in cui il pesce arriva direttamente dalla barca a voi, altrimenti anche questo ha costi di trasporto e di conservazione notevoli. Capita che il pesce viaggi in aereo (!!!!) e se poi il pesce è surgelato, pensate ai costi dei frigoriferi con consumo energetico e emissioni nocive dei congelatori: come vedete sono tutti danni all’ambiente. Anche in questo caso, cercate di scegliere prodotti che hanno meno impatto.

Certo, qualcuno penserà che anche ananas e banane generano danni all’ambiente e se poi parliamo di frutta ancora più esotica la proporzione aumenta. Vero! Per questo è meglio mangiare frutta di stagione ed a produzione locale, quindi se comprate le ciliegie a Natale…immaginate a che impatto hanno avuto sull’ambiente.

Senza estremizzare e mettersi a coltivare i pomodori sul balcone, quando ci alimentiamo, pensiamo a quello che abbiamo nel piatto e al suo impatto sui consumi di acqua, benzina, le emissioni di CO2 (ve lo ricordate che è nocivo se respirato?) che ha causato e torniamo alla nostra dieta che non fa ingrassare, anzi, basta applicarla correttamente ed è sicuramente sana.

Di © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami