Home » Salute » Dieta / Nutrizione » Dieta Lemme, cosa è e come funziona

Dieta Lemme, cosa è e come funziona

Nel panorama delle diete esistono anche quelle che 'fanno mangiare' per dimagrire, ecco come funziona

Dieta Lemme, cosa è e come funziona

Tra i diversi studiosi, medici o con altre specializzazioni che hanno creato una dieta che prende il loro nome, troviamo quella del Dottor Alberico Lemme, farmacista, che una quindicina di anni fa creò, brevetto e stese indicazioni e tabelle con una produzione di letteratura relativa alla sua dieta, la dieta Lemme.
Il suo studio e le sue teorie sono poi un approccio 'simil filosofico' al cibo sostenendo che non è con la riduzione di porzioni e di alimenti calorici che si dimagrisce, ma mangiando gli alimenti giusti all'orario giusto.


La dieta per i "ciccioni"
Il Dottor Lemme e la sua associazione-fondazione Filosofia Alimentare ha usato un approccio inusuale al dimagrimento. L'indirizzo di questo regime alimentare è stato anche definito discutibile perchè ha sempre tranquillamente parlato di dieta per ciccioni (in uno dei suoi libri si definisce "l'uomo che sussurrava ai ciccioni"). Da qualsiasi fonte medica, definire ciccioni le persone sovrappeso non è un modo professionale o comunque non motivante e anzi, fonte di discriminazione e di problemi emotivi, soprattutto per chi è particolarmente sensibile.


Come funziona
Il regime alimentare studiato da Lemme è un insieme di altri principi dietetici come la dieta iperproteica e il calcolo dell'indice glicemico. Quest'ultimo è legato alla produzione di insulina del nostro corpo relativamente all'alimento ingerito. Viene poi valutata la biochimica, ovvero di cosa sono composti i vari alimenti e non il loro apporto calorico. Altro elemento che è da considerare in questo tipo di dieta è l'orario in cui si assumono, i carboidrati alla mattina per esempio. Non ultimo va anche presa in esame l'associazione dei cibi, quindi mai 2 proteine diverse insieme o la coppia proteina e carboidrati. Ultima componetene delle teorie del farmacista dietista ed è quella meno chiara e univoca è il pool enzimatico, ovvero una variabile assolutamente personale che si evince da una analisi del proprio stile di vita e del proprio fisico.
Vengono stabilite due fasi: la prima quella del dimagrimento che, secondo i calcoli si può dimagrire 10kg in un mese, se l'obiettivo è 5kg, diventa di due settimane. La seconda fase è quella della stabilizzazione del peso ottenuto che dura circa 3 mesi e si assimila la nuova filosofia alimentare.


I pro
Sono concesse molte di quelle cose che spessissimo nelle diete vengono eliminate, come le patatine fritte e anche altri tipi di fritto. I cibi non si devono pesare, non vengono dati limiti alle quantità. Vengono comunque eliminati i dolciumi che non fanno particolarmente bene.

I contro
Vengono eliminate buona parte della verdura e della frutta, che sono alla base di apporto di sali minerali e fibre. Vengono anche eliminati nella prima fase tutti gli alimenti della categoria dei latticini, certamente si toglie il grasso dei formaggi, ma in un regime alimentare equilibrato, nessuna delle categorie va totalmente rimossa. Si ha anche un alto consumo di caffè durante tutto il corso della giornata, è comunque una quantità di caffeina da tenere in considerazione.

Note
Sale (anche quello dell'acqua della pasta), zucchero e pane sono totalmente eliminati, ma si può usare anche il burro come condimento. Questa dieta è anche nota per le colazioni a base di pasta aglio, olio e peperoncino o una costata di maiale. Sicuramente abitudini che non sono così facili da seguire. Per i pigri è perfetta questa dieta, Lemme sostiene che non è assolutamente necessario fare sport.

Di © Riproduzione Riservata
TAG  dieta   dimagrire  
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami