Home » Salute » Dieta / Nutrizione » Dieta del finocchio, per una azione detox ed anche snellente - Parte 1 di 2

Dieta del finocchio, per una azione detox ed anche snellente

Tutti a tavola con un ortaggio benefico e dalle molteplici proprietà a protezione di vari organi del corpo e con un bassissimo apporto calorico!

Dieta del finocchio, per una azione detox ed anche snellente

La dieta del finocchio sfrutta i principi attivi di questo ortaggiodalle proprietà "sgonfianti" e detossinanti importanti.
Si tratta anche un vegetale con pochissime calorie in rapporto al suo peso e quindi perfetto come ingrediente base per un regime alimentare che permette di depurarsi e perdere anche qualche chiletto di troppo, soprattutto in caso di alimentazione sbilanciata o poco salutare.

 


Proprietà del finocchio
Per capire come mai il finocchio è un ortaggio su cui basare un regime alimentare depurante e sgonfiante è importante sapere quali sono le sue diverse proprietà. È prima di tutto ipocalorico (solo 31 calorie per ogni 100 g di prodotto), non ha grassi ed ha tante fibre e sali minerali come potassio, calcio e fosforo, adatti a rinforzare le ossa e le parti molli come muscoli e legamenti. Per quanto riguarda le vitamine, vi è un buon contenuto di vitamina A, strategica per la rigenerazione dei tessuti e ottimo antiage, di vitamina B che è amica del sistema nervoso e dell'apparato cardiocircolatorio ed infine la presenza di vitamina C permette il rafforzamento del sistema immunitario.
Il finocchio è quindi amico di molti organi del nostro corpo: pelle, stomaco, intestino anche del fegato!



Pro
La dieta del finocchio è purificante, disintossicante, in una parola detossinante, è molto semplice da "organizzare" e non implica grandissimi sacrifici.

Contro
Se non amate questo ortaggio, la dieta del finocchio non è ovviamente per voi. Altre controindicazioni non ve ne sono ad eccezionedella presenza di patologie renali o collegate ad esse: essendo il finocchio un alimento diuretico è meglio verificare con il proprio medico sulla possibilità di incrementare o meno il suo consumo nell'alimentazione quotidiana.

Di , © Riproduzione Riservata

PAGINA 1 DI 2
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami