Home » Salute » Dieta / Nutrizione » Consigli psicologici per dimagrire

Consigli psicologici per dimagrire

Il solito problema di tante persone: si inizia una dieta, si hanno buoni propositi, e poi dopo qualche settimana si molla tutto. Ma essere costanti è fondamentale quando si vuole perdere qualche chilo, ed è importante imparare a sconfiggere le sensazioni negative per superare i momenti di debolezza. Proviamoci insieme!

Consigli psicologici per dimagrire

Dieta serena

Per prima cosa, quando si decide di iniziare una dieta bisogna avere un atteggiamento mentale vincente e uno stato d’animo positivo. Chi riesce a dimagrire in modo armonioso senza avvertire lo sforzo delle rinunce è solitamente una persona positiva. Ovviamente a fare la differenza sono la volontà, la determinazione e una visione chiara dei vantaggi di una nuova linea.

Iniziare con il piede giusto
Quando si vuole fare una dieta bisogna affidarsi ad una persona esperta che insieme a noi sceglierà un programma serio, equilibrato ed elaborato. L’importante è seguirlo scrupolosamente senza prendere iniziative personali o dare ascolto ad amiche e giornali che propongono diete fai da te.
Bisogna evitare scelte drastiche e del tutto arbitrarie, come l’eliminazione totale di pane, pasta o dolci.

Obiettivi ragionevoli
È fondamentale che la propria aspettativa di dimagrimento sia realistica. Chi indossa una taglia 48 non può pretendere di arrivare a una 42 in un mese. Le aspettative ragionevoli mettono al riparo da delusioni che potrebbero avere ripercussioni negative sul mantenimento del programma alimentare ne lungo periodo.

Evitiamo i facili entusiasmi
All’inizio della dieta è facile perdere peso facilmente perché si eliminano soprattutto i liquidi. Per questo è importante continuare la dieta scrupolosamente, evitando di entusiasmarsi troppo e in seguito non avvilirsi se l’ago della bilancia scende lentamente. È normale.

Tentazioni dieta

Piccole trasgressioni?
Il peccato di gola può capitare, ma non deve diventare un vizio. Un bicchiere di vino in più o un dolce una volta ogni tanto non devono farci venire sensi di colpa e non devono essere il pretesto per abbandonare la dieta. L’importante è andare avanti senza perdersi in inutili pensieri di sconfitta.

PesarsiQuando pesarsi?
Pesarsi in continuazione è un errore; l’ideale sarebbe farlo una volta alla settimana, sempre alla stessa ora e nelle stesse condizioni, per esempio al mattino prima di colazione. In questo modo si possono verificare i veri risultati.

Come combattere lo stress
Spesso mangiare è un gesto in cui si esprime e si sfoga lo stress e la tensione. Quindi quando si è a dieta come evitare di inceppare in questo meccanismo? Bisogna imparare a riconoscere la fame nervosa dalla fame vera e capire che mangiare di più non aiuta a risolvere il problema di base. È importante trovare n gesto alternativo, qualcosa da fare che impedisca di mangiare  d’impulso, sotto stress. Può essere sufficiente una tisana, o un frutto.

Evitare i negozi
Se tra gli obiettivi della dieta c’è un guardaroba nuovo, è meglio rimandare lo shopping al momento in cui si è raggiunto l’obiettivo. Andare per negozi troppo presto può deprimere e far venire la voglia di una cena ipercalorica o di una abbuffata in pasticceria.

Di © Riproduzione Riservata
TAG  dieta  
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami