Home » Salute » Dieta / Nutrizione » Cibi contro la tristezza

Cibi contro la tristezza

Esistono alimenti che contribuiscono ad alzare il livello di buonumore a a combattere la depressione invernale.

Cibi contro la tristezza

Cibi contro tristezzaIn inverno molti di noi manifestano sintomi di tristezza, di mancanza di volontà, di sonnolenza, lieve o media malinconia. Esistono però delle facili soluzioni alla portata di tutti noi, poiché provengono da semplici alimenti presenti sulle nostre tavole quotidianamente. Un modo semplice per combattere la nostra tristezza è per esempio allungare la mano verso il cesto della frutta!
Cominciamo dalle mandorle: lo sapete che ne basta una piccola manciata, 2 o 3 magari a colazione, per cominciare meglio e con il sorriso la giornata? E per continuare sull’onda del buon umore basta prepararsi un saporito e sano filetto di salmone la sera. Per il dopo cena, così come funziona per bambini e anziani, anche noi adulti potremmo essere aiutati da una bella tazza di latte caldo, che rasserena l’animo e scalda dal freddo inverno.
Questi ed altri cibi fanno parte dei cosiddetti mood food, cioè i cibi dell’umore, o meglio per l’umore.

Ultimamente si parla di questi alimenti in moltissime riviste, trasmissioni e il famoso giornale Elle ha infatti dedicato ad essi un ampio servizio, ricco di foto e ricette da leccarsi i baffi!
La base del funzionamento di questa dieta è basata sulla biochimica, dunque è seria e attendibile. Risaputamente il nostro cervello è bombardato da stimoli vari e soggetto a diverse sostanze chimiche, che gli permettono di comunicare grazie ai neurotrasmettitori. Queste regole base, una sorta di A B C di biochimica, fanno già intuire come alcune sostanze giunte dall’esterno possano in qualche misura e in qualche modo influire positivamente sul nostro cervello e, conseguentemente, anche sul nostro umore.
I sopra citati neurotrasmettitori sono molto importanti poiché permettono la comunicazione corretta da un neurone all’altro, ad esempio tra i tanti uno in particolare è ben conosciuto, si tratta della serotonina, la sostanza che sovrintende Cibi contro tristezzaall’umore, la cui azione è innescata da un aminoacido chiamato triptofano. Ecco allora il trucco! Consumare alimenti ricchi di questo aminoacido, il quale a sua volta stimolerà la serotonina: via libera allora a banane, cioccolato, latte e latticini, semi di sesamo e di girasole.
Il salmone, come la maggior parte dei pesci grassi abituati a vivere in acque molto fredde, ha una elevata quantità di vitamina B12 e di omega3: sostanze adatte a contrastare la depressione.

Avete bisogno di altri semplici consigli culinari facili e alla portata di tutti noi?
Le nostre nonne, quanto erano sagge! Senza avere chissà quali nozioni scientifiche in realtà erano sempre pronte a prepararci alimenti sani e che caricavano positivamente il nostro umore. Vi ricordate del classico uovo sbattuto, o dello zabaione? Io sì, mia nonna quando ero piccola me li preparava sovente, e che merenda energetica quello zabaione che aveva la peculiarità, oltre di essere strepitosamente buono, di tenere il cucchiaino al centro della tazza come sospeso in questa nuvola soffice di bontà.
Cibi contro tristezzaUova, latte, carne rossa e fegato sono tutti alimenti ricchi di colina, la quale favorisce la memoria e la concentrazione.
I carboidrati a lento assorbimento forniscono energia all’organismo e sono perfetti, oltre che per il buon umore, anche per sostenere uno sforzo fisico prolungato.
Non dimentichiamoci poi del cioccolato, famoso per  liberare endorfine amiche del nostro umore.

Ricordatevi però che l’eccesso di qualsiasi cibo, anche quelli giudicati più sani, non è mai intelligente come scelta. Riportando le parole di Paracelso: “Qualsiasi sostanza può essere un veleno, dipende dalla quantità!”.

Di © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami