Home » Salute » Dieta / Nutrizione » Allergia alla frutta secca

Allergia alla frutta secca

Una delle più comuni allergie alimentari, quella alla frutta secca

Allergia alla frutta secca

Tra le diverse allergie alimentari che possiamo trovare nella nostra società, tra le più diffuse vi è quella per la frutta secca.

Innanzitutto però distinguiamo tra allergia e intolleranza.
L’allergia alimentare è una forma specifica di intolleranza ad alimenti o a componenti alimentari che attiva il sistema immunitario; un allergene (proteina presente nell’alimento a rischio, che nella maggioranza delle persone è del tutto innocua) innesca una catena di reazioni del sistema immunitario, tra cui la produzione di anticorpi. Gli anticorpi determinano il rilascio di sostanze chimiche organiche, come l’istamina, che provocano vari sintomi: prurito, naso che cola, tosse o affanno. Le allergie agli alimenti o ai componenti alimentari sono spesso ereditarie e vengono in genere diagnosticate nei primi anni di vita.
L’intolleranza alimentare coinvolge il metabolismo, ma non il sistema immunitario. Un tipico esempio è l’intolleranza al lattosio: le persone che ne sono affette hanno una carenza di lattasi, l’enzima digestivo che scompone lo zucchero del latte.


Caratteristiche generali
La frutta secca è ricca di svariate virtù, tra cui i grassi di origine vegetale (lipidi vegetali), particolarmente utili per la circolazione e la salute in generale, la fibra alimentare e molte vitamine. Ma per alcune persone tutti questi elementi positivi non possono essere sfruttati, poiché una parte, soprattutto legata alla componente proteica di questa categoria di frutta, può scatenare una reazione allergica anche grave, dunque è il caso di evitarne accuratamente il consumo.
Si tratta, dunque, di una patologia di una certa gravità, perché inizia in tenera età, dura per tutta la vita e può essere letale. Arachidi, noci, mandorle, noci brasiliane, nocciole possono provocare sintomi anche con un minimo contatto con la pelle o per inalazione.
I sintomi solitamente sono: sfoghi cutanei, nausea e mal di testa, gonfiore della lingua e delle labbra, shock anafilattico.

LEGGI ANCHE: Speciale allergie


Cosa dice la legge
La legge riguardo le allergie è molto chiara: proprio per tutelare e proteggere le persone che sanno di essere allergiche, ma anche tutti coloro che potrebbero esserlo, impone ai diversi produttori di generi alimentari di segnalare in etichetta l'eventuale presenza di un allergene.
In materia legislativa, le etichette degli alimenti di produzione industriale sono regolate dalla Direttiva 2003/89/CE. L’etichetta dev’essere esaustiva, chiara e leggibile.
Spesso avrete notato ad esempio la dicitura “questo prodotto può contenere tracce di frutta a guscio”: ecco, questa è una forma di comunicazione rivolta al consumatore finale.


Cosa è un allergene?
L'allergene è una sostanza di varia origine, da quella alimentare a quella ambientale, che una volta entrato in contatto con il nostro organismo non è riconosciuto e, come tale, è combattuto come un nemico. In questo caso specifico la frutta secca non è riconosciuta come tale, ma come nemico da eliminare e l'organismo reagisce in maniera più o meno grave nei riguardi di questo alimento.
I principali allergeni obligatori da indicare in etichetta sono:

  • Cereali contenenti glutine (cioè grano, segale, orzo, avena, farro, kamut o i loro ceppi ibridati) e prodotti derivati, tranne: sciroppi di glucosio a base di grano, incluso destrosio, maltodestrine a base di grano, sciroppi di glucosio a base d'orzo, cereali utilizzati per la fabbricazione di distillati o di alcol etilico di origine agricola per liquori ed altre bevande alcoliche.
  • Crostacei e prodotti a base di crostacei.
  • Uova e prodotti a base di uova.
  • Pesce e prodotti a base di pesce, tranne gelatina di pesce utilizzata come supporto per preparati di vitamine o carotenoidi, gelatina o colla di pesce utilizzata come chiarificante nella birra e nel vino.
  • Arachidi e prodotti a base di arachidi.
  • Soia e prodotti a base di soia, tranne olio e grasso di soia raffinato, tocoferoli misti naturali (E306), tocoferolo D-alfa naturale, tocoferolo acetato D-alfa naturale, tocoferolo succinato D-alfa naturale a base di soia, oli vegetali derivati da fitosteroli e fitosteroli esteri a base di soia, estere di stanolo vegetale prodotto da steroli di olio vegetale a base di soia.
  • Latte e prodotti a base di latte (incluso lattosio), tranne siero di latte utilizzato per la fabbricazione di distillati o di alcol etilico di origine agricola per liquori ed altre bevande alcoliche, lattitolo e dolcificante indicato con E966 (additivo alimentare).

Di © Riproduzione Riservata
TAG  frutta secca   allergia  
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami