Home » Salute » Dieta / Nutrizione » Alimenti anti smog: ecco i 4 principali che non devono mai mancare in tavola

Alimenti anti smog: ecco i 4 principali che non devono mai mancare in tavola

Ecco come contrastare l'inquinamento atmosferico anche a tavola, per un aiuto concreto

Alimenti anti smog: ecco i 4 principali che non devono mai mancare in tavola

Lo smog è spesso un problema sottovalutato. Spesso ci dimentichiamo che l'inquinamento ambientale, e nello specifico quello dell'aria, è un nemico molto subdolo, perché fisicamente quasi trasparente. Però esiste ed il valore dei PM10 è il segnale di quanto “cattiva” è l'aria che respiriamo soprattutto nelle città.
Oltre a seguire alcuni semplici accorgimenti è anche possibile scegliere alcuni alimenti che vanno a difendere l'apparato respiratorio ed a stimolare le nostre difese immunitarie per contrastare, anche a tavola, gli effetti dell'inquinamento. Devono essere prodotti ricchi di vitamina C, gruppo B e vitamina D e anche agenti depuranti e disinfettanti e protettori delle prime vie aeree e i fitonutrienti.

L'inquinamento ambientale si riflette anche nella catena alimentare, come indicato in uno studio condotto dal Ministero della Salute, e ci sono cibi che possono aiutare a contrastare gli effetti negativi dell'inquinamento sull'organismo.


Credits: Foto di @jwvein | Pixabay
Cavolfiori, cavoli e broccoli
In una ricerca pubblicata sulla rivista Cancer Prevention Research, i ricercatori hanno sottolineato l'importanza dei broccoli per ridurre gli effetti dell'inquinamento sull'apparato respiratorio.
Questo gruppo di vegetali fa parte della famiglia delle crucifere ricchi di vitamina C, acido folico, sulforafano, tioossazolidoni e isotiocianati e sono quindi tra i principali alimenti antismog. Ortaggi autunnali e invernali sono perfetti quando i problemi di smog si fanno sentire maggiormente durante queste stagioni. È fondamentale un'accurato lavaggio e l'eliminazione di eventuali insetti che vivono su queste piante. Per mantenerne inalterate le proprietà è consigliabile la cottura a vapore per non perdere tutti gli attivi. Sono degli ottimi protettori del sistema gatrointestinale ma anche della prima via respiratoria (la bocca) e immunostimolatori.
Non a tutti picciono i broccoli perché hanno un sapore molto particolare ma ci sono alcune ricette sfiziose che li rendono comunque molto buoni, come ad esempio i broccoli gratinati al curry, che tra l'altro contiene anche poche calorie.


Credits: Foto di @jackmac34 | Pixabay
Agrumi
Si conferma l'efficacia degli agrumi e delle loro caratteristiche nutrizionali, vitaminiche e di difesa dell'organismo a tutti i livelli, anche per lo smog. Pompelmo, arance e limoni non devono mai mancare, anche spremuti, ovviamente si parla di prodotti freschi. Ricchi di Vitamina C, di calcio, magnesio, fosforo e soprattutto potassio e anche di fibre solubili. Attenzione solo al pompelmo che può interferire con l'assorbimento di molti farmaci per l'ipertensione e problemi cardiocircolatori, in questo caso preferite arance e limoni e comunque parlatene con il vostro medico.

Carote
Se siete a conoscenza che le carote sono consigliate per il betacarotene che aiuta la produzione di melanina, e quindi favorisce l'abbronzatura, sappiate sono anche ricche di carotenoidi, attivi sui globuli bianchi e sul timo (la ghiandola coinvolta nel sistema immunitario).
I globuli bianchi sono gli agenti che vanno ad attaccare e a difendere l'organismo da virus e agenti esterni, sono i principali ambasciatori delle difese immunitarie. Sempre meglio un consumo a crudo, dopo ovviamente un'attenta pulizia; se invece le preferite cotte, meglio cucinarle al vapore. Sono anche un grande aiuto per il loro contenuto di vitamine (A , gruppo B, C e K) e sali minerali tra cui calcio, sodio, fosforo, potassio, magnesio, zinco, ferro.


Credits: Foto di @Anelka | Pixabay
Peperoni
Non dobbiamo dimenticare i peperoni. Anch'essi estremamente ricchi di vitamina C ed A che donano beneficio a rinforzare le cellule delle mucose, tra le parti del nostro fisico estremamente coinvolte perché hanno la funzione di fare da barriera contro i virus e tutto quanto di nocivo è contenuto nell'aria. Esse sono una specie di “filtro” che deve sempre essere in funzione al meglio. Il peperone può essere consumato sia crudo che cotto e se lo trovate poco digeribile, basta rimuovere la pelle prima di usarli nelle vostre ricette.

LEGGI ANCHE: Ricette con peperoni

Di , © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami