Cornflakes: storia, curiosità e proprietà di un alimento nato da uno sbaglio

Marianna Di Pilla  | 16 Giu 2024
cornflakes

Il mattino molti di noi scelgono di consumare fette biscottate a colazione, mentre altri una buona e sana tazza di latte e cornflakes. Si tratta di un prodotto che ormai da tanti anni è entrato a far parte della nostra dispensa domestica, e anche se di derivazione oltre oceanica, appartiene anche alle nostre colazioni più mediterranee.
I cornflakes sono stati inventati per caso, come spesso succede per le cose che ci circondano e non solo in ambito culinario e gastronomico.

Storia e curiosità

cornflakes
cornflakes
John Harvey e Wiliam Keith Kellog nel 1886 nel Michigan lavoravano nel Western Health Reform Institute come medici. John seguì, come spesso succede in molte famiglie, le orme paterne scegliendo questa strada perché era quella più conosciuta e respirata nel nucleo familiare.
Vegetariano per scelta, si dedicò moltissimo allo studio degli alimenti, alla loro composizione e alle combinazioni alimentari tra legumi, verdure e cereali, costituendo in questo modo diverse formule dietetiche da presentare poi ai pazienti dell’istituto nel quale operava.
William, invece, lavorava nella stessa struttura ma ricoprendo un ruolo più legato all’amministrazione e agli aspetti burocratici.

I primi test con il grano


cornflakes
Un giorno i due fratelli stavano lavorando insieme e cuocendo del grano nelle cucine dell’ospedale quando, per una causa imprevista, dovettero abbandonare la cucina.
Al loro rientro videro che la prolungata cottura del grano lo avevo reso troppo molle e poco invitante. Lo schiacciarono allora sotto dei rulli per farlo appiattire e dopo aver ricavato dei piattissimi fiocchi provarono a tostarli.
Sperimentarono questa nuova formula direttamente con i loro pazienti, i quali dimostrarono un grande apprezzamento per il nuovo prodotto caratterizzato da digeribilità e leggerezza.

La svolta con il mais

cornflakes
cornflakes
Dopo il grano sottoposero anche il mais alla stessa procedura e nacquero in questo modo i famosissimi cornflakes.
Nel 1901 i due fratelli fondarono la Sanitarium Food Company, attraverso la quale vendevano per posta il loro geniale prodotto. Dopo un breve periodo di equilibrata collaborazione iniziarono i primi dissapori.
Will desiderava aggiungere dello zucchero per rendere i cereali ancora più buoni e saporiti, mentre John non era d’accordo poiché ciò andava contro le sue credenze e conoscenze mediche.
Fu a causa di queste diatribe familiari che i due si allontanarono e da solo Will nel 1906 decise autonomamente di fondare la Battle Creek Toasted Corn Flake Company.  Nel 1909 aggiunse un regalo, il più moderno e conosciuto gadget per l’acquirente che prendeva due pacchi invece di uno. Una grande trovata commerciale che presto si rilevò molto redditizia.
Will divenne capo di un’azienda che nel giro di pochissimo tempo lo trasformò in un uomo ricchissimo, come forse neanche lui poteva immaginare.
Al giorno d’oggi i cornflakes sono diventati un ingrediente fondamentale della nostra colazione. Ce ne sono di svariati tipi, dai più semplici e naturali a quelli arricchiti con ingredienti aggiuntivi come cioccolato, miele e frutta secca.

Proprietà nutrizionali dei cornflakes

cornflakes
cornflakes
La scelta degli alimenti che acquistiamo non deve essere lasciata al caso, questo vale anche per i cornflakes. Vediamo quindi le caratteristiche da tenere in considerazione.
Una particolare attenzione da parte del consumatore che si appresta ad acquistarli va sempre all’etichetta: è buona abitudine leggere attentamente gli ingredienti, le calorie per porzione e per 100 grammi, aiuta nella scelta.
Attenzione anche al sale, si proprio a lui, vi sembrerà strano ma ne contengono abbastanza e se la vostra dieta ne è già ricca perché consumate molti salumi, formaggi, e sale puro, fate attenzione anche a quest’alimento. Il sale deve rientrare tra i minerali utili per l’organismo ma non in modo eccessivo, spesso superiamo i limiti senza neanche rendercene conto.
Dal punto di vista nutrizionale si tratta di un alimento che nel tempo è molto cambiato, arricchendosi di molti ingredienti, che in origine non c’erano e che hanno contribuito a renderlo particolarmente ricco ed energetico. Il suo consumo si concentra soprattutto il mattino e al pomeriggio come merenda per bambini e ragazzi.
Tra gli ingredienti presenti, spesso si trovano in abbondanza cioccolato, miele e zucchero, anche se sulla confezione o nella pubblicità magari si dà spazio alle integrazioni vitaminiche e di fibre.
I corn-flakes sono ricchi di zuccheri e mediamente su 100 grammi forniscono circa 350 calorie, tenete presente che più sono ricchi di cioccolato, frutta secca, miele e maggiore sarà l’apporto calorico.

Marianna Di Pilla
Marianna Di Pilla


Articoli più letti

©  2024 Valica Spa. P.IVA 13701211008 | Tutti i diritti sono riservati.
Per la pubblicità su questo sito Fytur