Home » Salute » Benessere » Stanchezza mentale, capirla e affrontarla

Stanchezza mentale, capirla e affrontarla

Una condizione che può accadere e ricorrere in particolari situazioni o periodi, ma è possibile contrastarla e combatterla

Stanchezza mentale, capirla e affrontarla

La stanchezza mentale è un fenomeno molto diffuso, spesso associata alla stanchezza fisica, molte volte ne è anche la causa.
Avviene molto spesso all'approsimarsi del periodo estivo, ma non necessariamente, ed è un fenomeno che non conosce età, sesso o status.

Quali sono le cause? Come si riconoscono i segnali di questa situazione?
È possibile prevenirla? Se invece ne siamo vittime, come è meglio affrontarla?
È sicuramente una difficoltà che può essere risolta, in alcuni casi in pochissimo tempo, in altri casi semplicemente con un po' di pazienza in più.

Cos'è
La stanchezza mentale è un "sovraccarico" del cervello inteso come troppe informazioni da memorizzare, gestire, elaborare, creando così una specie di stallo.
In fin dei conti è come se facessimo lavorare troppo qualsiasi altra parte del corpo che, di fronte ad uno sforzo eccessivo, reagirebbe con la stanchezza.


Credits: Foto di @janprazak | Pixabay
Cause
Potremmo definire come causa madre l'eccessivo stress che può essere generato da molti stati diversi: stress da lavoro, stress emotivo per la famiglia, ansia e problemi d'amore, stress da esami, ultimamente anche stress per l'incertezza del futuro generata dalla situazione economica attuale.
Semplicemente, e non esiste una regola, alcuni soggetti subiscono maggiormente e vivono con ansia e stress qualsiasi situazione che compromette il normale equilibrio psicofisico. È molto soggettivo essere vittima della stanchezza mentale perché può capitare che non accada mai oppure, pur essendo tipi attivi, reattivi e dinamici, in particolari situazioni si potrebbe “non reggere”.
Purtroppo a causa dei ritmi frenetici con cui ci muoviamo e la pretesa di gestire moltissimi impegni in cui, volenti o nolenti, ci troviamo coinvolti, il cervello è messo a dura prova.

Sintomi
La stanchezza mentale è spesso associata ad un senso di spossatezza generale, oppure ad episodi di emicrania (se non si sono mai avuti), inoltre ci si dimentica delle cose più semplici. Dal non ricordarsi appuntamenti, all'avere le parole sulla punta della lingua, al sentirsi sempre all'inseguimento delle cose, degli orari, delle persone. Poi vi sono molti altri sintomi soggettivi, come non ricordarsi cosa si è magiato a pranzo, dal compiere azioni quasi inconsapevolmente (guidare, bere un caffè, parlare con qualcuno,...)


Credits: Foto di @AndiP | Pixabay
Soluzioni
Un vecchio slogan diceva “Fermate il mondo, voglio scendere!”. Bisognerebbe quindi fermarsi e prendere del tempo per se stessi.
Concedersi un giorno (o anche di più se possibile) di vacanza spegnendo cellulare, pc e qualsiasi altra cosa sia un collegamento con le abitudini quotidiane.
Più semplicemente, ascoltate della musica appena possibile, che vi rilassa (anche i Metallica vanno bene, dipende dai gusti), nel tragitto per raggiungere il luogo di lavoro, durante le pause, la sera prima di dormire.
Ritagliatevi del tempo per dell'attività fisica: se non andando in palestra, almeno per correre, camminare, esercizi domestici senza interruzioni esterne. Lo sport cura anche queste “malattie”,
Prendetevi qualche ora per un “day SPA”, oppure un massaggio rilassante in un centro estetico.
È anche possibile per contrastare la stanchezza mentale, trarre beneficio dal consumare determinati alimenti come il pomodoro, sicuramente eliminare una alimentazione pesante, riducendo gli eccitanti come alcool e caffeina, è utile.

Di , © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami