Home » Salute » Benessere » Raffreddore invernale

Raffreddore invernale

Respirazione difficile, notti insonni, fazzoletti sempre a portata di mano: è tornato il raffreddore. Come curare subito il disturbo per evitare che si aggravi per stare meglio entro breve

Raffreddore invernale

Il raffreddore non è un disturbo preoccupante, ma certo può essere molto fastidioso. A parte il fatto che se non viene curato nel modo giusto, porta a complicanze più serie, come otiti, bronchiti o sinusiti. Il principale responsabile del raffreddore, che tanto ci affligge nei mesi freddi, è un virus il rhinovirus, che diventa più aggressivo con le basse temperature, anche se esistono oltre un centinaio di altri suoi “colleghi”in grado di scatenare questo malanno.

I miti da sfatare
Sul pianeta raffreddore circolano tante dicerie e notizie, non sempre corrette. Vediamo le principali.

Per prevenirlo occorrono dosi massicce di vitamina C?
La vitamina C non serve per curare il raffreddore e neanche per prevenirlo; dal momento che però contribuisce a mantenere alte le difese naturali, è bene consumare i cibi che ne sono ricchi, come arance, pompelmi, limoni e kiwi. Per rafforzare le difese sono validi anche gli yogurt, l’aceto di mele, il lievito di birra e lo zenzero.

In autunno prendere il raffreddore è inevitabile?
No, non necessariamente tutti devono prendere il raffreddore, perché esistono delle regole di prevenzione. I luoghi chiusi e affollati facilitano la diffusione del virus, quindi basta evitarli il più possibile; bisogna umidificare le stanze dove si soggiorna a lungo e dove si dorme, mettendo delle vaschette di acqua sui caloriferi. Stare attenti agli sbalzi di temperatura, che si possono evitare vestendosi a cipolla.

Preso un raffreddore, si è poi immuni?
Ovviamente no, il virus responsabile si modifica di continuo e non è possibile garantirsi l’immunità: quando siamo più stanchi e stressati, le nostre difese si abbassano e un nuovo virus può essere in agguato.

Quando si ha il raffreddore bisogna stare al caldo?
Non deve mai essere un caldo eccessivo, perché altrimenti fa sudare e poi il sudore, raffreddandosi sulla pelle, ne altera le difese naturali, spianando la strada alle possibili aggressioni di virus.

Tirare su con il naso aiuta a liberarsi?

Assolutamente no, così come è sbagliato trattenere gli starnuti: il muco infetto può arrivare ai seni paranasali e causare una sinusite. Il naso va sempre soffiato con delicatezza e mai con forza (altrimenti il muco finisce nelle orecchie), usando solo fazzoletti di carta usa e getta, più morbidi e igienici. 

Credits: Foto di stevepb | Pixabay
Le cure
Per curare il raffreddore non vanno mai usati antibiotici, ma tutt’al più antinfiammatori a base di acido acetilsalicilico (ma non per i bambini) o paracetamolo, che alleviano il mal di testa e i fastidi. Gli spray nasali servono a decongestionare il naso, soprattutto la sera, per favorire il sano riposo, ma un uso prolungato provoca danni alla mucosa nasale. Sono invece molto utili i lavaggi nasali con soluzione fisiologica per rimuovere le secrezioni infette e le pomatine emollienti, che idratano la mucosa e prevengono la comparsa di crosticine. Attenzione infine: il raffreddore nei momenti di picco è molto contagioso, e se si è vittime bisogna evitare il più possibile contatti con bambini piccoli, anziani e persone a rischio.

I rimedi della nonna
Ci sono poi alcuni antichi rimedi, che però hanno una loro effettiva validità: - latte caldo e miele: aiutano a tenere lontano il raffreddore;
- i suffumigi sono ottimi per fluidificare il muco;
- ai primi segnali di raffreddore, una tazza di tè con il miele o il vin brulé alleviano i sintomi;
un bagno caldo con oli balsamici dà sollievo e ha azione di aerosol.

Di , © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

1 COMMENTI   Vuoi lasciare un commento?

  1. Inviato da raab13
     

    ottimo anche l'umidificatore con gocce di oli essenziali adatti,,,,,

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami