Home » Salute » Benessere » Psoriasi in estate

Psoriasi in estate

La psoriasi in estate va curata sempre e con maggior attenzione. Vediamo come

Psoriasi in estate

La psoriasi è una malattia infiammatoria cronica della pelle, di origine genetica, che colpisce circa due milioni di italiani. Molte persone però non la considerano una vera e propria malattia e così si trascurano, in parte anche per colpa di soluzioni terapeutiche poco facili da gestire.

Solitamente la psoriasi in estate dovrebbe migliorare, ma chi ne soffre, proprio per questo motivo, tende ad abbassare la guardia e quindi ad avere un peggioramento dei sintomi. Così a causa dei raggi Uv, della piscina, del mare e del sudore, le chiazze desquamate si irritano ancora di più.

L'Associazione per la difesa degli psoriasici, ha lanciato una campagna di sensibilizzazione online sul sito www.momentinfo.it dando alcuni consigli.
Ecco quindi quali accorgimenti è meglio avere.


Continuare le cure
Anche se i sintomi della psoriasi migliorano, non significa che si debbano interrompere le cure locali e generali, che il medico ha prescritto. La cura può essere modificata se si usano prodotti che possono dare fotosensibilità, cioè irritano a causa del sole, ma è sempre il dermatologo che deve prescrivere soluzioni alternative o modificare quelle in uso.

La psoriasi e l'esposizione al sole
I sintomi della psoriasi a chiazze larghe migliorano con l'esposizione solare, grazie all'azione antinfiammatoria dei raggi ultravioletti. Tuttavia i raggi solari non migliorano tutte le forme di psoriasi, per esempio quelle a chiazze piccole o eritematose sono fotosensibili, per cui bisogna evitare l'esposizione solare per evitare un peggioramento.
Nei casi in cui il sole è un alleato non bisogna comunque esporsi in modo selvaggio, ma proteggersi sempre con filtri solari adeguati. I solari possono essere applicati anche dopo l'applicazione delle cure locali, è fondamentale però attendere il completo assorbimento delle prime, prima di procedere con la crema solare.


Idratarsi
La pelle secca può favorire il peggioramento della psoriasi e causare prurito, aumentando così la sensazione di fastidio locale. È necessario quindi idratarsi soprattutto se si suda e si fanno bagni in acqua marina o clorata che possono ulteriormente seccare la cute.
Dopo ogni detersione bisognerebbe asciugarsi accuratamente e idratarsi, preferibilmente con pomate a base di urea, una delle maggiori componenti del nostro corpo, che idrata come nessun'altra sostanza.
È importante, poi, bere molto per idratarsi anche dall'interno.

Far traspirare la pelle
Un'eccessiva sudorazione può irritare la pelle, peggiorando i sintomi in chi soffre di psoriasi. Quindi è bene far traspirare la pelle il più possibile scegliendo abiti comodi, in fibre naturali e calzature aperte. Evitare indumenti troppo stretti o con elastici e in fibre sintetiche.

Attenzione alla depilazione
In estate aumenta anche l'esigenza di depilarsi e in più punti del corpo; per chi soffre di psoriasi, la depilazione non è sconsigliata purché non sia proprio sulle chiazze infiammate e eritematose. Per il metodo da utilizzare meglio sempre chiedere al proprio medico, perché dipende dal tipo di psoriasi di cui si soffre.

Di , © Riproduzione Riservata
TAG  solari  
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami