Home » Salute » Benessere » Problemi tiroide

Problemi tiroide

È un problema che colpisce 1 italiana su 2, causando spesso stanchezza, malumore e ciclo irregolare. Le donne sono cinque volte più colpite rispetto agli uomini e la gravidanza talvolta aumenta di più il rischio. Tuttavia la diagnosi arriva sempre dopo numerose visite. Ma quali sono i campanelli di allarme? A chi bisogna rivolgersi?

Problemi tiroide

La tiroide
La tiroide è una ghiandola situata nella parte anteriore del collo, e ha una forma simile ad una farfalla.

Serve a produrre degli ormoni che una volta entrati nel sangue regolano il metabolismo controllando tempi e modi con cui l’organismo usa le sostanze nutritive.

Ma anche il battito cardiaco, il ciclo mestruale e la temperatura del corpo sono regolate da questa ghiandola.


Credits: Foto di @Eugin_Akyurt | PixabayPer riassumere la tiroide ha le seguenti funzioni:

  • controlla il metabolismo generale
  • controlla la frequenza cardiac
  • il metabolismo del muscolo
  • trofismo di pelle e capelli
  • ciclo mestruale
  • apprendimento
  • memoria


Disfunzioni della tiroide

Molto spesso la tiroide può funzionare troppo (ipertiroidismo) o al contrario troppo poco (ipotiroidismo), e subisce modificazioni della forma, del volume e del peso dando vita a noduli asintomatici unici o multipli.

L’ipertiroidismo
Solitamente riscontrato nelle donne adulte si manifesta con:

  • capelli radi, secchi e crespi
  • gonfiore sotto gli occhi, e occhi ingrossati o sporgenti
  • colorito giallastro della pelle
  • dimagrimento ingiustificato
  • intolleranza al caldo
  • tachicardia
  • diarrea
  • nervosismo
  • debolezza muscolare
  • tremore delle mani
  • irregolarità nel ciclo mestruale
  • ingrossamento del collo.


L’ipotiroidismo

Una tiroide che funziona troppo è invece più frequente tra i 20 e i 40 anni e si manifesta con:

  • aumento di peso
  • stanchezza
  • maggiore sensibilità al freddo
  • depressione
  • sonnolenza diurna
  • battito cardiaco rallentato
  • difficoltà a concentrarsi
  • crampi
  • stipsi
  • infertilità irregolarità mestruale
  • ingrossamento del collo


I controlli

La maggior parte delle tiroidi è asintomatica e quando sopraggiungono problemi e disturbi è perché si è già colpiti da tempo da questa malattia. Per questo motivo bisogna sottoporsi periodicamente a un esame del sangue per tenere sotto controllo l’ormone tiroideo TSH: se i valori sono alti (indice di carenza) viene prescritta una terapia sostitutiva e nel corso di alcuni mesi i sintomi scompaiono senza conseguenze sfavorevoli sullo stato di salute generale.

In presenza di noduli, invece, è sempre consigliabile rivolgersi a centri specializzati che eseguono delle ecografie e degli esami particolari. La figura di riferimento è l’endocrinologo che valuterà il quadro clinico partendo dalla storia familiare, ai farmaci fino a quel momento usati e se si è stati sottopost a radiazioni.

Attenzione a..
Nei casi di ipertiroidismo è importante sapere che non bisogna usare alghe, lozioni o creme anticellulite, perché sono ricche di iodio. Al contrario, per chi ha un ipotiroidismo i centri termali con acqua salsobromoiodica sono molto indicati.

Di © Riproduzione Riservata
TAG  ormoni  
CONDIVIDI

2 COMMENTI   Vuoi lasciare un commento?

  1. Inviato da soleluna90
     

    ma che sciocchezza avete scritto!!!! L IPERTIROIDISMO provoca un metabolismo veloce e incontrollato,quindo gli ormini aumentano,e quindi avviene un dimagrimento. L IPOTIROIDISMO è la sottoproduzione di ormoni e vi si ferifica un aumento di peso e intolleranza al freddo. prima di scrivere determinate cose informatevi bene , altrimenti diffondete un messaggio errato e la gente viene informata male.

  2. Inviato da biancafracas
     

    SCusami tanto, è stato un errore di scrittura, come vedi abiamo provveduto a correggere subito la svista. grazie per la segnalazione.

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami