Home » Salute » Benessere » Pollini, cause e rimedi naturali per alleviarne gli effetti

Pollini, cause e rimedi naturali per alleviarne gli effetti

Stanchi di starnuti e occhi che lacrimano? Scoprite cosa fare per alleviare i fastidiosi sintomi allergici da pollini

Pollini, cause e rimedi naturali per alleviarne gli effetti

Molte persone si accorgono dell'arrivo della primavera perché insieme al rinascere della natura, sorgono anche diversi sintomi fastidiosi, come gli starnuti e lacrimazione degli occhi, il tutto riassumibile in una sola causa: i pollini!
Questi microgranuli polverosi contenuti nei sacchi pollinici dei fiori, in questo periodo dell'anno possono rappresentare un incubo per le persone più sensibili, diventando responsabile di allergie molto frequenti.

 

Calendario

L'Associazione Italiana di Aerobiologia ha realizzato un calendario pollinico utilizzando i dati forniti dai centri di monitoraggio della Rete Italiana di Monitoraggio in Aerobiologia. Le più comuni piante, i cui pollini provocano allergie in alcune persone più sensibili sono il nocciolo, le graminacee, la betulla, il cipresso, l'olivo o l'ambrosia, che sono presenti più o meno in tutto il territorio italiano anche se in concentrazioni diverse, che possono essere medie, basse ed elevate.


Credits: Foto di @Free-Photos | Pixabay
LEGGI ANCHE: Speciale allergie

Sintomi
A seconda della persona, quindi, i livelli di rischio allergico possono variare. Sono infatti numerosi i fattori che influenzano questo scatenamento, come ad esempio il periodo dell'anno, ed è sempre consigliabile rivolgersi a uno specialista. Però attraverso alcuni rimedi naturali o piccole attenzioni da osservare in determinati periodi, è possibile combattere i pollini o quanto meno ridurre i fastidiosi sintomi di allergia, quali lacrimazione, starnuti, irritabilità, congestione nasale, prurito oculare e, in molti casi, anche stanchezza fisica.


Credits: Foto di @kie-ker | Pixabay
Rimedi per combatterli
Esiste un modo per prevenire o almeno ridurre questi malesseri dovuti ai pollini? Vediamone insieme qualcuno.

  • Prima di tutto un'abitudine da prendere nei periodi dell'anno in cui la concentrazione di pollini aumenta, è di tenere porte e finestre di casa chiuse, ovviamente non vi stiamo suggerendo di sigillarvi in casa, ma almeno evitate di far areare di giorno, molto meglio farlo la sera.
  • Se avete degli animali domestici, evitate di farli dormire con voi in questi periodi, il loro pelo che è possibile rimuovere con vari mezzi è facile preda dei pollini, rischiereste di portarveli a letto.
  • È buona abitudine lavarsi molto spesso gli occhi con acqua fredda durante l'arco della giornata, e preferire gli occhiali alle lenti a contatto, in questo modo eviterete di imprigionare i pollini presenti nei vostri occhi attraverso le piccole lenti.
  • Farsi una doccia alla sera, soprattutto se avete trascorso una giornata all'aria aperta, non può che giovare alla vostra situazione e alleviare quanto possibile i sintomi allergici. I pollini si attaccano sia ai capelli che agli indumenti indossati, soprattutto se questi sono di lana.
  • Un altro consiglio è di evitare di fumare o di trascorrere troppo tempo in ambienti con fumatori, il fumo, insieme a profumi o essenze molto forti, come ad esempio l'incenso, potrebbero irritare ancora di più gli occhi o il naso.
  • Infine, un ultimo suggerimento, che oltre a combattere e ad alleviare i sintomi allergici, fa bene al resto del corpo, è di abbassare il livello di stress. Molti studi hanno spiegato come lo stress nelle persone allergiche sia un fattore scatenante, quindi cercate di rilassarvi facendo qualunque attività vi sia d'aiuto.

Di Sara Pennetta, © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami