Home » Salute » Benessere » Omeopatia per disturbi estivi

Omeopatia per disturbi estivi

Rimedi omeopatici per piccoli disturbi di salute legati alla stagione estiva

Omeopatia per disturbi estivi

Sole, mare e caldo sono sinonimo di relax e divertimento, ma non solo purtroppo, perché talvolta in questo periodo dell'anno aumentano i piccoli problemi di salute.

Spesso però, trattandosi di lievi malesseri o disturbi passeggeri, non è necessario ricorrere ai classici farmaci e si possono usare i rimedi omeopatici.

Vediamo insieme i principali, in base ai disturbi tipici della stagione estiva.

Credits: Foto di @monicore | PixabayFastidio agli occhi
Sole, cloro della piscina, acqua del mare e sabbia sono tutti genti esterni che spesso causano fastidiose irritazioni agli occhi, caratterizzate da lacrimazione abbondante, bruciore e rossore. In questi casi si può utilizzare il collirio omeopatico in monodose Euphralia. Per combattere l'arrossamento e il bruciore può essere utile usare anche cinque granuli di Euphrasia 5 CH, tre volte al giorno, fino alla scomparsa del disturbo.

 

Mal di viaggio
Molti bambini e anche qualche adulto soffrono di cinetosi, ovvero il malessere scatenato dalle trasferte con i mezzi, che causa nausea, vomito, capogiri e svenimenti.
Per chi soffre di nausea e salivazione abbondante la soluzione migliore è Ipeca 5CH: sono da assumere 5 granuli ogni ora fino alla fine del viaggio. Chi, invece, ha capogiri può assumere 5 granuli ogni mezz'ora di Cocculus 9 CH.
Molto utile è la prevenzione con Cocculine, assumendo due compresse tre volte al giorno da due giorni prima della partenza e prendere due compresse tutte le ore del viaggio.
 

Eritemi solari

Pruriti, scottature, chiazze e bolle sono i sintomi dell'eritema solare, che può essere alleviato usando la pomata omeopatica Ciderma per qualche giorno. Se invece c'è molto prurito si può prendere Apis mellifica 15 CH: 5 granuli ogni 30 minuti.

 

Punture di insetto
Se la puntura è bluastra e fredda si possono usare cinque granuli ogni ora di Tarentola cubensis 5 CH; se la puntura causa arrossamento ed edema, con bruciore va bene Apis mellifica 15 CH. Oppure ottima anche la pomata alla calendula Ciderma che allieva i fastidi.

 

Diarrea
L'ingestione di cibi freddi, o mal conservati, o poco tollerati dal nostro organismo può causare l'evacuazione eccessiva di feci. In generale per migliorare le turbe intestinali è utile Aloe Composè, cinque granuli 4 volte al giorno fino al miglioramento dei sintomi. Contro la diarrea esplosiva da intossicazione sono utili cinque granuli per ogni scarica di Podophillum peltatum 9 CH.

 

Pressione bassa

Con il caldo e l'afa capita spesso che la pressione si abbassi eccessivamente: tutte le volte che una persona si sente svenire, ha capogiri ed è senza forze, può assumere cinque granuli di Carbo Vegetabilis 9 CH, oppure si può fare una cura con il Macerato glicerico di Ribes nigrum 1 DH: 50 goccein due dita d'acqua una o due volte al giorno per il periodo di caldo eccessivo.

 

Crampi muscolari
I crampi sono molto frequenti in estate a causa della sudorazione eccessiva che fa disperdere sali minerali e liquidi. Contro i crampi notturni è utile Hamamelis 4 CH, cinque granuli ogni due ore fino a che non si sta meglio.

Gonfiori alle gambe Il caldo, rallentando la circolazione, aumenta la ritenzione e il ristagno di liquidi; chi ha la tendenza ad avere un gonfiore eccessivo associato a piccoli ematomi può usare Hamamelis 4 CH. Se il problema sono soprattutto le caviglie gonfie e i polpacci pesanti è indicata la tintura madre di Ruscus aculeatus.


Potete trovare consigli utili anche in questo articolo: Rimedi per gambe gonfie.

Di , © Riproduzione Riservata
TAG  omeopatia   caldo  
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami