Home » Salute » Benessere » Omeopatia contro i malanni stagione - Parte 4 di 7

Omeopatia contro i malanni stagione: Tosse

Parte 4 di "Omeopatia contro i malanni stagione"

Credits: Foto di @Anastasia Gepp | Pixabay

TOSSE
La tosse è uno dei sintomi più classici delle affezioni invernali da raffreddamento che possono provocare sindromi influenzali, faringiti, laringiti, tracheiti, bronchiti. La tosse è un meccanismo di difesa dell'organismo che la usa per espellere sostanze irritanti delle vie respiratorie come polvere, fumo, muco, germi, corpi estranei.
La tosse però può generare uno spiacevole “circolo vizioso” soprattutto quando siamo in presenza di tosse secca e stizzosa: tossendo infatti si provoca una maggior infiammazione della mucosa respiratoria, irritandola e complicando lo stato attuale.

Ci sono diversi tipi di tosse che possiamo classificare in:

  • tosse secca o non produttiva: è una tosse irritativa, tipica di faringiti, laringiti e tracheiti che si contraddistingue per l'assenza di catarro;
  • Tosse grassa o produttiva: la tosse grassa è spesso l'evoluzione della tosse secca ed è un elemtno tipico delle bronchiti. Si contraddistingue per la presenza di catarro nei diversi anali delle vie respiratorie che viene eliminato con la tosse;

La tosse poi si distingue in:

  • tosse acuta, tipica della stagione fredda, che dura meno di tre settimane e compare di frequente ad un'infezione virale delle prime vie aeree;
  • tosse cronica: si tratta di una tosse che si manifesta per un periodo più lungo rispetto alla tosse acuta. È causata principalmente da broncopneumopatie croniche ostruttive. Se dopo qualche giorno di trattamento la tosse non migliora è necessario rivolgersi al proprio medico per escludere malattie più gravi.

 

Rimedi omeopatici per la tosse secca
> Tosse secca con bruciore che si aggrava soprattutto muovendosi e si acuisce di sera, con sete intensa: Bryonia 9 CH (5 granuli ogni 3-4 ore);
> Tosse molto secca che migliora con bevande calde: Spongia tosta 9 CH (5 granuli ogni 3-4 ore);
> Tosse notturna che provoca risveglio improvviso e con timbro profondo e rauco: Drosera 9 CH (5 granuli ogni 3-4 ore o al bisogno in caso di attacchi acuti).


Rimedi omeopatici per la tosse grassa
> Tosse con secrezioni vischiose che possono provocare nausea o in casi estremi anche vomito, più spesso nei bambini: Ipeca 9 CH (5 granuli ogni 3-4 ore);
> Tosse con produzione abbondante di catarro, espettorazione difficile e profonda spossatezza, che spesso si presenta in soggetti come anziani e bambini: Antimonium tartaricum 9 CH (5 granuli ogni 3-4 ore).



Credits: Foto di @Hanna Kankaanpää | Pixabay


Sciroppi omeopatici
Esistono degli sciroppi omeopatici che contengono un mix di medicinali omeopatici che agiscono sull'irritazione delle vie aeree. Non contengono sostanza ad azione sedativa, solitamente privi di effetti collaterali e possono essere assunti anche assieme ad altri farmaci.

Tra questi” –sottolinea il dott. Alessandro Targhetta-Stodal sciroppo, medicinale omeopatico utilizzato per tutti i tipi di tosse, in quanto ne riduce l’intensità e la frequenza. Inoltre, tratta le irritazioni delle alte e basse vie aeree, ripristinandone la naturale struttura fisiologica”.
Questo sciroppo può essere assunto sia da Adulti che da bambini ma con una posologia differente:

Stodal sciroppo:
> Adulti: 15 ml pari ad un cucchiaio per 3-5 volte al giorno;
> Bambini: 5 ml, pari ad un cucchiaino per 3-5 volte al giorno;

Stodal in granuli:
> 5 granuli ogni 1-2 ore diradando l'assunzione in base al miglioramento della tosse.

“A questo proposito”, evidenzia il dott. Targhetta, “l’AIFA, Agenzia Italiana del Farmaco, nel novembre 2010 ha emanato una “Nota informativa” nella quale si vieta l’uso dei mucolitici, per uso orale e rettale, nei bambini al di sotto dei 2 anni. Gli sciroppi omeopatici non contengono questo tipo di sostanze, e possono essere quindi somministrati anche nei bambini di età inferiore ai 2 anni”.

Di Elisa Gamberi, © Riproduzione Riservata

TAG  omeopatia  
CONDIVIDI

GOOGLE ADS