Home » Salute » Benessere » Jet lag: il disturbo dei viaggiatori

Jet lag: il disturbo dei viaggiatori

Chi viaggia e cambia fuso orario è spesso soggetto ad uno scombussolamento del ciclo sonno veglia che può causare alcuni sintomi. Perché accade e come alleviare le manifestazioni principali?

Jet lag: il disturbo dei viaggiatori

Per jet lag si intende l'interruzione del ciclo sonno-veglia che si verifica in seguito a lunghi viaggi aerei in cui si attraversano più fusi orari.
Alcune persone avvertono questo fenomeno in modo più marcato quando viaggiano da ovest verso est, altre percepiscono uno scombussolamento in qualunque tipologia di viaggio ed altri ancora non subiscono nessuna conseguenza.
Ai sintomi tipici si accompagnano spesso secchezza del naso e della gola e dolori muscolari dovuti spesso all'aria secca e al posto stretto dell'aereo.

Perché si soffre di jet lag?
Nel cervello, più precisamente nell'ipotalamo, si trova il nucleo soprachiasmatico che regola il ciclo sonno-veglia. Di giorno, con la luce, la retina emette dei segnali che raggiungono il nervo che poi rinvia gli impulsi all'epifisi che provvede a ridurre la produzione di melatonina, l'ormone che induce sonnolenza. La sera poi, con il buio, il livello di melatonina aumenta stimolando il sonno. Il jet lag si verifica poiché viene a mancare la sincronia del normale ritmo sonno-veglia del corpo e il ciclo giorno-notte del luogo raggiunto.



Credits: Foto di @Jan Vasek | Pixabay

 

Sintomi e disturbi
I principali sintomi da jet lag sono:

  • insonnia, sveglia al mattino presto o difficoltà ad addormentarsi
  • senso di affaticamento
  • difficoltà di concentrazione
  • irritabilità
  • malessere generale
  • dolori muscolari
  • cefalea
  • mal di stomaco, diarrea o stipsi.

Questi disturbi possono avere intensità variabile poiché ci sono soggetti più sensibili ed altri meno. Inoltre più fusi orari si attraversano maggiore sarà il fastidio; viaggiare da nord a sud o viceversa, rimanendo all'interno dello stesso orario non provoca alcun problema, mentre il jet lag si avverte particolarmente quando ci si sposta da ovest verso est.

Cosa fare
Chi viaggia spesso per evitare i numerosi fastidi causati dai voli intercontinentali dovrebbe seguire alcune regole precise.
Per quanto riguarda la prevenzione del jet lag le misure utili da applicare sono:

  • dormire a lungo prima del volo e non affaticarsi troppo quando si arriva
  • bere molto prima, durante e dopo il viaggio
  • in volo, regolare i pasti in base all'ora locale della meta
  • quando si arriva fare un po' di movimento all'aria aperta ed evitare di andare immediatamente a dormire (a meno che non sia notte).

Infine un rimedio che può essere molto utile a chi è più sensibile ai ritmi sonno-veglia è l'assunzione di melatonina acquistabile in farmacia.

Di © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami