Home » Salute » Benessere » Coraggio e autostima in gocce per sciogliere paura e insicurezza

Coraggio e autostima in gocce per sciogliere paura e insicurezza

Quando la paura prende il sopravvento ed impone dei limiti esagerati alla nostra libertà è ora di ritrovare il coraggio e la stima in noi stessi. Le essenze floriterapiche possono essere un rimedio dolce e valido.

Coraggio e autostima in gocce per sciogliere paura e insicurezza

Abbiamo già parlato di floriterapia, disciplina che vede i fiori come psicologi interiori, che vanno a toccare le nostre vibrazioni interne per armonizzarle e donare equilibrio.

In questo articolo Erica Bonardo, naturopata, ci consiglia alcune essenze floreali, scelte con sapienza tra Fiori di Bach, Fiori Australiani e Fiori italiani che possono aiutarci a superare le paure che ci limitano, dandoci forza e coraggio.


Paure concrete:

Mimulus, per paura della “vita fisica in sé”, di animali, dei dottori, del temporale, dei mezzi di trasporto, ecc.
Dogrose, per ipocondria, eccessiva timidezza o scarsa fiducia negli altri, paura dell'amore, paura a seguito di un dolore.

Terrore e panico:
Rockrose, per ipersensibilità, panico costante e perdita di lucidità.
Spider flower, per terrore o attacchi di panico, paura del soprannaturale.

Paura della malattia, di invecchiare e della morte:
Transition, un mix di essenze utile per affrontare i passaggi di stato, i cambiamenti.
Bush iris, per accettazione dei momenti di passaggio e cambiamento, della morte, stimola l'autocoscienza.
Peach flowered tea tree, per ipocondria, riequilibra emotivamente.
Menzies banksia, paura del dolore e della sofferenza, dona coraggio.

Paure relazionali:
Sunshine wattle, per difficoltà a superare il passato, mancanza di speranza, dà ottimismo verso il futuro.
Bluebell, per chiusura emotiva, avidità e paura della privazione, dà apertura di cuore e fiducia nella condivisione.
Wedding bush, difficoltà ad impegnarsi nelle relazioni, timore della responsabilità.
Tall mulla mulla, disagio e timore a stare con la gente, difficoltà ad accettare il confronto con gli altri, compiacere per quieto vivere.
Illawarra flame tree, timore delle responsabilità, senso di poppressione, paura del rifiuto, dà forza fiducia e accettazione di sé.
Flannel flower, per repulsione per il contatto fisico, sessuale e sensuale, disagio nei rapporti sociali e nei luoghi affollati.
Red chestnut, per paure esagerate, costruzione di rapporti simbiotici, ansia eccessiva e costante per sé e per gli altri.
Dogrose, per ipocondria, eccessiva timidezza o scarsa fiducia negli altri, paura dell'amore, paura a seguito di un dolore.

Paura di perdere il controllo:
Cherry plum, esagerato autocontrollo, ipersensibilità, energia repressa, scatti d'ira improvvisi ed incontrollati, dà abbandono interiore, equilibrio psichico e accettazione di sé.
Dog rose of the wild forces, paura di perdere l'autocontrollo per forti emozioni, dà assennatezza anche in momenti di subbuglio.

Paure ignote:
Aspen, per individuo molto sensibile o sensitivo, assorbe tensioni ed emozioni, dona la giusta apertura e capacità di selezionare le emozioni.
Rescue remedy ed emergency, per incidenti, shock emotivi o fisici, grossi spaventi, ha un effetto calmante, calma l'ansia che precede eventi da affrontare ed agisce anche su traumi passati e non ancora superati.

Insicurezza e autostima:
Dogrose, per ipocondria, eccessiva timidezza o scarsa fiducia negli altri, paura dell'amore, paura a seguito di un dolore.
Five corners, per scarsa autostima soprattutto verso l'aspetto fisico, repulsione di sé, dona amore e accettazione di sé.
Illawarra flame tree, timore delle responsabilità, senso di poppressione, paura del rifiuto, dà forza fiducia e accettazione di sé.
Larch, per permalosità, ambizione, orgoglio e perfezionismo eccessivi, per chi tende a giudicare gli altri inadeguati e passa da sopravvalutazione a svalutazione di sé, per chi teme gli insuccessi e spesso li attira, dà capacità di valutazione obbiettiva e sicurezza.
Kapok bush, per apatia a e rassegnazione o scoraggiamento, dona perseveranza ed impegno.
Pine, per chi non si ama e crede di non meritare amore, ha continui sensi di colpa e una rigida morale.
Red grevillea, per ipersensibilità ed eccessiva dipendenza dagli altri, dà audacia e forza.
Southern cross, per risentimento e vittimismo, lamentosità ed amarezza, permette di cambiare punto di vista e assunzione di responsabilità verso quel che ci accade.
Kangaroo paw, per goffaggine e sbadataggine.
Bush fuchsia, per agitazione in pubblico, limitata capacità di apprendimento, permette equilibrio ed integrazione degli emisferi.
Self-confidence, mix di essenze che aiuta a far emergere gli aspetti positivi di sé e l'autostima, dona consapevolezza e fa credere nelle proprie potenzialità.


Abbiamo approfondito l'argomento facendo una breve intervista a Erica.

Erica, quando la paura è utile e quando invece diventa dannosa e va affrontata?
«Le paure sono utili e sane se gestite in modo corretto, poiché permettono di tutelare noi stessi e di salvaguardarci dai possibili pericoli. La paura diventa però negativa nel momento in cui cresce al punto da limitare la nostra libertà, crea insicurezza e riduce il nostro coraggio e la nostra fondamentale autostima.
Riprendo un pensiero di Scilla Di Massa, naturopata ed esperta di floriterapia, che nel suo libro Il giardino interiore definisce la paura come “una costruzione mentale: è come una posta chiusa dietro la quale immaginiamo si nasconda chissà che cosa. Poi finalmente la apriamo, e ci rendiamo conto che dietro non c'è niente. La paura è una stanza vuota”.»

A livello energetico cos'è la paura?
«La paura è un sentimento che ha una vibrazione molto pesante a livello energetico. I fiori possono andare a toccare queste vibrazioni, dando equilibrio e riportando armonia a ciò che è disarmonico.
I fiori sono adatti a tutti, uomini e anche animali, non danno allergie poiché non rimane nulla del fiore fisico. Queste essenze devono essere sempre assunte con il consiglio di un esperto e vanno solitamente diluite in acqua e brandy.»

Come poter capire quali fiori sono adatti alla nostra condizione?
«Se sentite di averne bisogno rivolgetevi ad un naturopata che potrà farvi una valutazione, parlerà con voi e vi guiderà attraverso un test chinesiologico o di sensazioni, in modo da comprendere insieme l'assenza che più vi si addice.»

Di Ilaria © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami