Home » Salute » Benessere » Coronasomnia: l'insonnia da pandemia

Coronasomnia: l'insonnia da pandemia

Ore passate davanti ai dispositivi elettronici, poco movimento, scarsa vita sociale e cattive abitudini che si sono consolidate in questo anno di Covid-19 hanno causato problemi del sonno-veglia. Provare a dormire meglio però è possibile

Coronasomnia: l'insonnia da pandemia

Le persone con disturbi del sonno sono molte ma da un anno a questa parte, da quando le nostre vite si sono modificate a causa del Covid-19, c'è stato un aumento di individui che lamentano problemi ad addormentarsi o risvegli frequenti nel cuore della notte.
L'insonnia da pandemia, però, ha un nome, coronasomnia e secondo uno studio svoltosi dall'università di Southampton, nel Regno Unito nell'agosto 2020, pare che il sonno disturbato riguardi 1/4 della popolazione, mentre prima coinvolgeva 1/6.

Tra le categorie più colpite ci sono i disoccupati, le persone sopra i 50 anni e coloro che soffrono di depressione o hanno scarse relazioni interpersonali con la famiglia.
In realtà, tuttavia, riguarda un po' tutti poiché per quanto si provi ad adattarsi ai nuovi ritmi e alla situazione, lo smartworking, la Dad e la reclusione provocano ansia e stress che vengono a galla quando ci si corica, manifestandosi proprio con l'insonnia.


Credits: Foto di @DanFa | Pixabay
Come affrontare la situazione
Così come per l'insonnia classica ci sono dei rimedi naturali e comportamentali che possono aiutare a riposare bene, lo stesso vale per la corosomnia.

Ecco 7 suggerimenti da seguire per avere un sonno ristoratore in tempo di pandemia.

  1. Avere dei rituali serali rilassanti
    La prima cosa che può aiutare a dormire meglio è avere una routine serale che consiste in attività rilassanti e poco stressanti, come leggere un buon libro, ascoltare della musica classica o guardare un film leggero.
    Bisognerebbe invece evitare di guardare telegiornali o servizi che parlano di covid, trascorrere troppo tempo sui social (dove comunque appaiono informazioni e notizie negative) e avere discussioni con persone care.
  2. Ridurre gli alcolici
    Dall'inizio della pandemia è stato registrato un aumento dell'uso di alcol, grande nemico del riposo sebbene possa sembrare una sostanza rilassante. La sera non andrebbe bevuto più di un bicchiere di vino o di birra soprattutto se si hanno problemi di sonno.
  3. Usare i dispositivi elettronici solo il tempo necessario
    Se da un lato tablet, pc e telefonini di questi tempi sono di grande aiuto per sturdiare, lavorare e avere contatti sociali talvolta vengono usati in maniera spropositata. Oltre l'uso necessario questi dispositivi andrebbero riposti, privilegiando altri passatempi. E se proprio non si riesce, farlo almeno 1 ora prima di coricarsi.
  4. Mantenere dei ritmi regolari
    Soprattutto coloro che non stanno lavorando o anche le persone che possono gestire la propria attività senza orari particolari, in questo anno di pandemia hanno perso totalmente i ritmi. Spesso la notte si resta svegli a guardare la tv mentre di giorno si vaga per la casa assonnatti o si passano le ore diurne a letto.
    Nulla di più sbagliato e chi ha invertito giorno-notte dovrebbe tornare a un ciclo sonno-veglia regolare per contrastare la coronasomnia.
  5. Evitare i pisolini pomeridiani troppo lunghi
    Se ogni tanto fare un sonnellino può essere rigenerante, andare oltre i 45 minuti non va bene perché poi la notte si fatica a dormire. Secondo gli esperti il tempo ideale per il pisolino è di 15-20 minuti e solo tra le 12 e le 14.
  6. Fare attività fisica
    Palestre e piscine sono chiuse ma per fortuna nulla ci vieta qualche passegiata nei dintorni di casa, una corsetta o un po' di allenamento casalingo. Lo sport è un toccasana sia per la coronasomnia che per bruciare i grassi in eccesso e restare in forma.
  7. Evitare i sonniferi e privilegiare prodotti naturali
    Il consumo di farmaci per il sonno durante la pandemia, secondo uno studio pubblicato dal Journal Clinical sleep medicine è aumentato del 20%. I medicinali però andrebbero presi solo in caso di stretto bisogno e sempre sotto controllo medico; meglio l'assunzione di melatonina o di prodotti naturali per favorire il rilassamento notturno.

Di , © Riproduzione Riservata
TAG  coronavirus  
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami