Home » Salute » Benessere » Come ridurre l'ansia che ti fa mangiare

Come ridurre l'ansia che ti fa mangiare

Non è fame, ma soltanto bisogno di colmare l'ansia con il cibo. E' nocivo e poco utile, meglio utilizzare rimedi naturali ed evitare comportamenti simili

Come ridurre l'ansia che ti fa mangiare

Spesso stress e nervosismo si manifestano con attacchi di ansia e conseguenti eccessi di cibo; così si ingeriscono alimenti senza che ci sia necessariamente lo stimolo della fame, ma perché si è insoddisfatti.

Dalla medicina naturale però arrivano integratori e piante che aiutano a calmare l'ansia che fa venire voglia di mangiare fuori pasto.

Gli stati d'animo e il cibo
La tristezza, l'insicurezza oppure la mancanza di motivazioni o obiettivi fanno si che le persone sprofondino in stati emotivi negativi che, tra le altre cose, portano a gestire in modo errato la fame e ciò che si mangia ai pasti. Viene erroneamente vissuto il cibo come consolazione da questi malesseri. Lo stress e i vari problemi creano uno stato di allarme nel corpo che causa l'esaurimento delle ghiandole surrenali con il conseguente sbilanciamento del glucosio e l'aumento dell'ansia da cibo.
In queste situazioni possono essere d'aiuto alcune piante, come la Rodiola Rosae, che aiuta a ritrovare l'equilibrio fisico e mentale, migliora la resistenza allo stress e riduce lo stato di sconforto che porta poi ad abbuffarsi.
Nella donne, poi, ci sono alcune fasi della vita come la menopausa, in cui lo sballo ormonale porta ad avere ansia da cibo che può di conseguenza portare all'aumento di peso.

 


Le piante che saziano
Si trovano in capsule o compresse e sono da assumere prima dei pasti, affinché aumenti la sensazione di pienezza. Di seguito vi elenchiamo i principali rimedi, ricordandovi che però è sempre importante rivolgersi ad uno specialista prima di assumerli.

  • Hoodia Gordonii, è una pianta grassa che proviene dall'Africa ed è in grado di ridurre la sensazione di fame. Contiene una molecola che agisce simulando l'azione del glucosio sulle cellule del cervello e riduce l'appetito.
  • Garcinia cambogia, è una pianta che inibisce il senso di fame e diminuisce la trasformazione dei carboidrati in grassi, perché agisce direttamente sul metabolismo del fegato. Non va assunta se si è diabetici.
  • Glucomanno è una fibra estratta dalla pianta konjac, diffusa in Indocina e India. Assorbe l'acqua, aumentando le sue dimensioni e dando un senso di pienezza.
  • Alghe di acqua dolce, come la spirulina, la clorella o l'alga verde klamath. Saziano perché contengono molta fibra e sono in grado di catturare le sostanze tossiche in circolo, favorendo la loro eliminazione, depurando anche l'organismo.

 


L'auricoloterapia
Si tratta di un'antica tecnica molto simile all'agopuntura, basata sulla stimolazione di alcuni punti del padiglione auricolare a cui corrispondono di riflesso delle zone precise di tutto l'organismo, ognuna delle quali viene trattata a seconda dell'obiettivo terapeutico che si vuole raggiungere. Questa tecnica, svolta da un professionista, può aiutare a ridurre il senso di ansia e a regolare il metabolismo, favorendo anche la depurazione dell'organismo.

Di , © Riproduzione Riservata
TAG  ansia   cibo  
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami