Home » Salute » Benessere » Ciclo mestruale irregolare: come riconoscerlo - Parte 1 di 2

Ciclo mestruale irregolare: come riconoscerlo

Definire un ciclo mestruale irregolare non è facile. Entrano in gioco diversi fattori da valutare insieme al proprio ginecologo, oggi vediamo i concetti base

Ciclo mestruale irregolare: come riconoscerlo

Sono tre i fattori principali che possono indurre la donna a credere di avere un ciclo mestruale irregolare e, di conseguenza, consultare il proprio ginecologo.
Prima di allarmarsi però è bene chiarire che un ciclo non è irregolare quando occasionalmente si presenta in maniera diversa dal solito o se il calendario biologico è impostato, ad esempio, a 32 invece che 28 giorni. E' necessario invece indagare quando ci sono anomalie periodiche nella durata, il ritmo e la quantità.

 

I tre fattori chiave che indicano un ciclo irregolare

1.La durata: In media il ciclo mestruale di una donna può durare da 3 a 8 giorni. Si parla di meno-metrorragia quando ha una durata superiore agli 8 giorni e di ipomenorrea quando dura meno di 3 giorni.  

2.Il ritmo: Se la donna vede comparire in maniera più o meno regolare il ciclo mestruale con un intervallo non interiore ai 25 giorni e non superiore ai 35 giorni, non vi dovrebbero essere specifiche anomalie. Il problema si pone in tre specifici casi:

    -Oligomenorrea: cioè un ciclo mestruale con cadenza superiore ai 35 giorni.

    -Polimenorrea: un ciclo mestruale con il calendario impostato a periodi inferiori di 25 giorni.

    -Amenorrea: quando il ciclo non compare per più di tre mesi.

3.La quantità: ogni donna può avere un flusso mestruale più o meno abbondante. Le differenze in termini di qualità possono essere alte, ma non per questo rappresentano necessariamente un “cattivo funzionamento”. Gli specialisti reputano un flusso nella norma quando è compreso tra i 35 e gli 80 ml. Visto che fare un auto-calcolo in questo caso non è possibile, se credete che il vostro flusso sia troppo o troppo poco abbondante, l'unica soluzione è eseguire un test ginecologico che possa aiutarvi a far chiarezza.

Di Claudia Lemmi © Riproduzione Riservata

PAGINA 1 DI 2
TAG  mestruazioni  
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami