Home » Salute » Benessere » La disciplina chiropratica

La disciplina chiropratica

Non vuole assolutamente scavalcare la medicina tradizionale, ma è spesso un valido aiuto nella terapia del dolore e nella cura dei disturbi a carico del sistema neurologico, muscololare e scheletrico

La disciplina chiropratica

Si sente sempre più spesso parlare di chiropratica, ma c'è parecchia confusione su cosa sia questa disciplina.
Innanzitutto è una branca della medicina olistica, che ha come scopo quello di fare diagnosi, curare o prevenire alcuni disturbi funzionali. Secondo la chiropratica i problemi strutturali del corpo, in particolar modo quelli che riguardano la colonna spinale, possono causare numerosi disturbi a tutto l'organismo, soprattutto al sistema nervoso.

Di cosa si tratta
Dal momento che il midollo spinale è la strada principale che trasferisce gli impulsi dal cervello al resto del corpo, se sono presenti disfunzioni a livello della colonna possono esserci numerosi problemi.
Il chiropratico cura la persona attraverso delle manipolazioni vertebrali che consistono in movimenti specifici e che servono a ripristinare o mantenere la salute; nel caso ci siano problemi strutturali sistema le articolazioni.
A differenza della medicina tradizionale, questa disciplina usa solo le pressioni e non fa assumere alcun farmaco.


Credits: Foto di @derks24 | Pixabay
Quando rivolgersi al chiropratico
I trattamenti chiropratici sono molto utili in caso di mal di schiena, cervicale, cefalea, sciatalgie e parestesie agli arti inferiori e superiori. Negli ultimi anni è stata riscontrata l'efficacia della chiropratica anche per curare gastriti, asma e crampi mestruali dal momento che i nervi spinali collegano polmoni, stomaco e utero al cervello. Il compito non è solo di curare il sintomo, ma anche di intervenire per correggere il problema che ha originato il disturbo.

Come funziona una visita
La prima cosa che il chiropratico fa quando un paziente arriva è raccogliere i dati che riguardano lo stato di salute della persona, analizzando anche eventuali esami come Tac e Risonanze, dopodiché effettuerà una visita posturale che gli consentirà di individuare le zone problematiche. A questo punto, attraverso una manipolazione, si cerca di correggere la tensione di nervi e muscoli.
I trattamenti non sono dolorosi e molto spesso i pazienti hanno subito sollievo; il ciclo di sedute necessarie varia da individuo a individuo, solitamente si va da 3 incontri a 10, ma già dopo i primi si hanno miglioramenti.

A chi rivolgersi
Dal momento che in giro ci sono parecchie persone che si spacciano per professionisti, ma non hanno una adeguata specializzazione, per essere sicuri di finire in mani sicure meglio rivolgersi all'Associazione italiana chiropratici chiropratica.it che, oltre a dare preziosi suggerimenti, dispone anche di un elenco di specializzati in chiropratica.

Di © Riproduzione Riservata
TAG  medicina  
CONDIVIDI

1 COMMENTI   Vuoi lasciare un commento?

  1. Inviato da prepo
     

    Articolo interessante ma fuorviante in più punti che vado ad elencare.
    Primo la chiropratica non è una "branca della medicina olistica" e non alcuna intenzione di "fare diagnosi, curare o prevenire alcuni disturbi funzionali". La chiropratica nasce dalla necessità di mantenere integra la funzionalità del sistema nervoso per un corretto equilibrio dell'individuo. La risoluzione di un disturbo o una patologia non è lo scopo del chiropratico. Il miglioramento o la guarigione avviene semplicemente perché il corpo funziona meglio e può esprimersi come natura lo ha creato. Se ci facciamo un taglietto alla mano esso guarisce anche senza cerotto in quanto naturalmente dotati della capacità di guarire.
    Dire 3 o 10 sedute è altrettanto fuorviante. Ogni caso deve essere visto singolarmente per non dare false speranze o informazioni errate.
    Oltre all'AIC esistono numerosi altri colleghi laureati in chiropratica che per motivi vari non ne fanno parte.
    Paolo Canepari (chiropratico EX membro AIC).

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami