Home » Salute » Benessere » Botulino, un batterio pericoloso

Botulino, un batterio pericoloso

Pericoloso e difficile da riconoscere, ecco come prevenire il botulino.

Botulino, un batterio pericoloso

Dal cibo possiamo ricavare energia, fibre, sali minerali e vitamine e soprattutto tanto benessere, a patto di saperlo conservare e saperne riconoscere eventuali difetti e alterazioni che potrebbero invece provocare dei seri danni alla nostra salute.

Il botulino

Si tratta di un batterio con la forma tipica di bastoncino, anaerobio obbligato, di tipo Gram positivo e soprattutto sporigeno; capace di essere quindi molto resistente e di produrre spore, le quali sono resistenti al calore e possono rimanere presenti all’interno di cibo non preparato in modo corretto. Ne esistono di 7 tipi diversi e le spore sono state riscontrate in modo ubiquitario, cioè in tutto il mondo, presenti nel suolo così come nelle acque costiere e nei laghi, nei tratti intestinali di pesci, mammiferi e anche dei granchi, ma anche in prodotti quali ad esempio il miele.

Botulino
Quanti tipi di botulino possono esserci?
Ne esistono 3 forme:

  1. da alimenti (forma classica)
  2. da ferita
  3. botulismo infantile

Gli alimenti rappresentano una delle fonti più diffuse e purtroppo quindi pericolose, poiché causano una forma estremamente grave di intossicazione legata all’ingestione della tossina contenuta negli alimenti contaminati.
Qualsiasi sia la forma la peculiarità che le unisce è la paralisi flaccida causata dalla neurotossina del botulino.

Sintomi del botulino

Ecco come si manifesta solitamente il botulino:

  • disattivazione acuta e bilaterale dei nervi cranici e debolezza
  • vertigini o paralisi discendente
  • difficoltà visiva (vista sfocata o doppia)
  • disfagia
  • difficoltà progressiva sia a inghiottire sia a parlare
  • bocca asciutta
  • paralisi flaccida
  • vomito
  • difficoltà a respirare
  • distensione addominale e diarrea possono essere presenti inizialmente
  • la febbre è generalmente assente, compare solo in caso di infezione

Il botulismo da ferita ha gli stessi sintomi della forma alimentare.

Botulismo infantile

E' la forma più presente negli USA e riguarda quasi esclusivamente bambini sotto l’anno di età. I sintomi iniziali sono:

  • costipazione seguita da letargia
  • diminuzione dell’ascolto
  • diminuzione dell’alimentazione
  • difficoltà a inghiottire
  • perdita del controllo della testa
  • pianto alterato
  • debolezza generale ("floppy baby")

Si pensa che circa il 5% dei casi di SIDS (Sudden Infant Deth Syndrome) sia causata dal botulino.
Il botulismo, in generale, può causare la morte in seguito ad arresto respiratorio. Anche se oggi rispetto a un tempo la percentuale di morti è scesa dal 50% all'8%. La guarigione può richiedere diversi mesi di convalescenza.
Per la forma alimentare la terapia raccomandata è rappresentata dalla rapida somministrazione di antitossina botulinica seguita da terapia intensiva.
La tossina del botulino può essere distrutta se riscaldata ad almeno 80°C per 10 minuti o più anche se l’inattivazione delle spore richiede temperature molto più alte.

Botulino
Trasmissione
In generale i cibi che possono essere più a rischio sono:

  • cibi preparati impropriamente
  • cibi in scatola a bassa acidità o alcalini
  • cibi pastorizzati e mantenuti senza refrigerazione

Gli alimenti più a rischio sono: mais, peperoni, zuppe, rape, asparagi, funghi, olive, spinaci, fagiolini, pollo, fegati di pollo, salsicce, prosciutto, melanzane ripiene, aragoste e pesce salato o affumicato, tonno.
Una delle cause principali sono le conserve di verdure e frutta preparate in casa .
Nel botulismo da ferita le spore possono provenire dal suolo, dalla ghiaia, piuttosto che delle siringhe da parte dei tossicodipendenti.

Come prevenire?

Controllare molto bene i cibi industriali conservati sia nella fase di produzione, di trasporto e stoccaggio, di vendita e prima del consumo.
Le conserve in casa devono rispettare i tempi e le temperature necessarie per distruggere le spore.
Le conserve di verdure fatte in casa devono essere fatte bollire mescolando per almeno 10 minuti prima di ogni consumo.
Attenzione ai coperchi rigonfi dei barattoli possono essere causati anche dal botulino.
Il miele, per via delle spore che potrebbe contenere, non dovrebbe essere dato a bambini sotto l’anno.

Di © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami