Home » Salute » Benessere » Allergia al nichel: cibi e oggetti pericolosi

Allergia al nichel: cibi e oggetti pericolosi

Molto diffusa ma difficile da diagnosticare e curare poiché questo metallo è presente sia nei cibi che in parecchi oggetti di uso comune

Allergia al nichel: cibi e oggetti pericolosi

Il nichel è un metallo che si trova un po' ovunque: nel terreno, nei tessuti animali e vegetali e anche nel corpo umano.
Purtroppo negli ultimi tempi si sente sempre più parlare di allergia al nichel causata proprio da un accumulo di questa sostanza nell'organismo che provoca numerosi disturbi. Come molte altre allergie può comparire all'improvviso, colpire entrambi i sessi e persone di ogni età, anche se da studi recenti sembra ci sia una predisposizione femminile.

Sintomi
Quando il nostro corpo percepisce questo metallo come un nemico scatta una reazione infiammatoria con conseguente rilascio di istamina, una sostanza che in poco tempo può generare:

  • dermatiti diffuse in varie parti del corpo
  • afte e infiammazioni della bocca
  • gonfiore addominale
  • stanchezza
  • mal di testa e nausea
  • nei casi più gravi, crisi respiratorie.

Si parla di allergia al nichel quando questi sintomi sono molto accentuati, mentre si avrà un'intolleranza se i disturbi sono più lievi.


 

LEGGI ANCHE: Speciale allergie

 

Dove si trova il nichel?
Il nichel è un metallo presente un po' ovunque ma chi scopre di esserne allergico deve evitare certi cibi e l'uso di alcuni oggetti. Per prima cosa è fondamentale cucinare in pentole di vetro o acciaio inox e usare posate dello stesso materiale. Gli alimenti che vanno tolti dalla propria dieta sono:

  • asparagi, cipolle, pomodori, legumi, lattuga, spinaci, carote e funghi
  • pere, prugne, uva passa, nocciole, anacardi e mandorle
  • tè e cacao
  • lieviti chimici, margarina
  • aringhe e ostriche
  • tutti i cibi in scatola.

Purtroppo chi ha un'allergia al nichel deve stare molto attento anche agli indumenti che indossa e agli oggetti con cui viene in contatto. Questo metallo si trova spesso in:

  • bottoni, cerniere e fibbie
  • montature degli occhiali
  • monete
  • orecchini, collane, bracciali
  • alcuni detersivi e trucchi.


Diagnosi
Quando si sospetta un'allergia la nichel il medico solitamente prescrive il patch test, un esame che consiste nell'applicazione di cerotti contenenti la sostanza e a distanza di 48-72 ore si valuta la reazione; in caso di allergia una volta rimosso il cerotto la cute presenterà delle infiammazioni.

Cura
Non esiste una cura definitiva per chi soffre di allergia al nichel ma solo medicinali che possono alleviare i sintomi. Innanzitutto le persone devono evitare il più possibile di entrare in contatto con questo metallo e se per qualunque motivo, nonostante la prevenzione si hanno eruzioni cutanee bisogna applicare creme cortisoniche che riducono gli arrossamenti. Se i disturbi sono a livello gastrico, invece, il medico potrà prescrivere farmaci specifici.

Di , © Riproduzione Riservata
TAG  allergie  
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami