Home » Salute » Benessere » 9 regole per dormire bene

9 regole per dormire bene

Avere un sonno regolare e senza risvegli frequenti è davvero importante; siccome, purtroppo, molte persone non riescono a riposare bene, cercheremo di darvi alcuni consigli da seguire per favorire il naturale riposo notturno

9 regole per dormire bene

Le persone che soffrono di insonnia sono davvero tante: stress, preoccupazioni e cattive abitudini sono solo alcune delle cause che impediscono sonni sereni. Eppure è ormai scientificamente provato che dormire bene ha effetti positivi non solo sulla psiche ma anche sul fisico ( cuore compreso).

Inoltre da studi recenti effettuati dalla Duke University nella Carolina del Nord, è emerso che le donne, bruciando più energie degli uomini, hanno bisogno di dormire di più per non incorrere in stanchezza, irritabilità e sbalzi di umore.
Detto ciò, è importante che tutti, adulti e bambini, riescano a dormire bene di notte, per potersi risvegliare in forze e affrontare la giornata.

Noi abbiamo individuato 9 regole fondamentali salva sonno.

  1. Niente alcol e fumo
    La nicotina svolge un'azione eccitante sul sistema nervoso e l'alcol indice una rapida sonnolenza, ma una volta metabolizzato dall'organismo provoca ripetuti risvegli.
  2. Display spenti
    Secondo un sondaggio inglese il 44% delle persone usa tablet, pc e cellulari a letto. Queste attività bloccano la sintesi della melatonina, l'ormone che predispone al riposo. Dopo le 21 sarebbe consigliato limitare l'esposizione a qualsiasi fonte luminosa.
  3. Non fuggire dai problemi
    Se si ricorre al sonno per evitare i pensieri, si dormirà male; bisogna invece predisporsi al riposo mantenendo la mente sgombra, eseguendo dei rituali rilassanti ed evitare le discussioni prima di andare a letto. Possono essere utili le tecniche di rilassamento o i bagni caldi che creano un differenziale termico favorendo l'addormentamento.
  4. Attenzione ai sonniferi
    Secondo i dati Usa, 9 milioni di persona, in maggioranza donne, userebbero sonniferi; tuttavia i ricercatori avvertono che in caso di abuso i rischi superano i benefici. Tra le principali controindicazioni vi sarebbero perdita di memoria, ipersensibilità alle allergie, problemi respiratori e aumento di incidenti stradali. Prima di ricorrere a questi farmaci sarebbe opportuno provare con rimedi naturali per il sonno e se proprio abbiamo bisogno di medicine che aiutano a dormire meglio, rivolgersi ai centri specializzati per il sonno.
  5. Buone abitudini
    Andare a dormire ogni sera e alzarsi la mattina alla stessa ora è fondamentale per riuscire a dormire bene. Se però non abbiamo sonno inutile andare a letto, creerebbe solo nervosismo, e la mattina se si aprono gli occhi prima della sveglia, alziamoci.
    Inoltre è molto importante il materasso sul quale dormiamo e le condizioni della stanza, che non deve essere troppo calda, ma tiepida e arieggiata.
  6. Prendere qualcosa di caldo
    Vanno bene camomilla o valeriana, che hanno una funzione simile a quella delle benzodiazepine (farmaci antidepressivi), anche in associazione a passiflora, biancospino, menta e melissa. L'importante è che la tisana sia concentrata e venga bevuta almeno due ore prima di andare a letto.
  7. Cibi da evitare e da privilegiare
    Secondo la Coldiretti andrebbero mangiati alimenti come pane, pasta, orzo, riso, lattuga, radicchio, aglio, uova, zucca, rape, cavoli che favoriscono il sonno perché contengono triptofano, che favorisce la sintesi della serotonina (il neurotrasmettitore che stimola il rilassamento). Andrebbero eliminati o limitati (soprattutto la sera) i cibi conditi con curry, paprika, pepe, sale, e alimenti in scatola o contenenti dado e glutammato.
  8. Fare movimento
    È provato che l'attività fisica moderata, come passeggiate, nuoto, corsa leggera, ballo, lontana dalle ore del riposo, incide positivamente e fa dormire bene. Sono invece da evitare le attività aerobiche nella seconda parte delle giornata.
  9. Rinunciare ai sonnellini
    Chi soffre di insonnia dovrebbe evitare i sonnellini a metà giornata, e se proprio non riesce a farne a meno la siesta pomeridiana dovrebbe durare massimo mezz'ora.

Di , © Riproduzione Riservata
TAG  sonno  
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami