Home » Ricette » Secondi di Carne » Tacchino alla crema di curcuma

Tacchino alla crema di curcuma

Un secondo piatto a tutto sapore, semplicissimo da realizzare e ottimo per accontentare tutti? Provate questo!

Tacchino alla crema di curcuma

Se avete voglia di un secondo piatto un po' fuori dagli schemi ma con ingredienti di semplice reperibilità allora potete orientarvi su questo delizioso tacchino. Protagonista una carne bianca magra, quella appunto di tacchino, e una delle spezie più benefiche che si conoscano, la curcuma. Aromatizzato con prezzemolo e pepe e con una salsina a base di panna da cucina, è davvero saporito. Realizzarlo, poi, è molto semplice: anche gli "chef" alle prime armi riusciranno a stupire i commensali. Ecco come procedere!

 

Ingredienti (per 4 persone)

500 g fesa di tacchino

2 porri freschi

200 ml panna da cucina

200 g farina 0

1 cucchiaino di curcuma

1/2 bicchiere di vino bianco

q.b. olio extravergine di oliva

q.b. prezzemolo

q.b. sale

q.b. pepe nero

 

Preparazione

Mondare con cura il porro, lavandolo e tagliando la parte bianca, riducendola a fettine sottili. Preparare un fondo di olio di oliva e quindi soffriggerlo a fuoco basso per circa 5 minuti. Non deve bruciare ma solo ammorbidirsi. Versare un bicchiere d’acqua tiepida al soffritto, mescolare, quindi coprire la pentola e continuare la cottura a fuoco basso per altri 5 minuti.

 

Aggiungere i bocconcini di tacchino precedentemente infarinati e farli rosolare, mescolando per 3 minuti. Versare il bicchiere di vino bianco e sfumare, sempre mescolando, per pochi minuti. Insaporire la preparazione aggiungendo del pepe.

 

Versare la panna da cucina, mescolare bene per far sì che si amalgami bene al resto degli ingredienti. Coprire la padella e proseguire la cottura, a fuoco basso, per circa 15 minuti. Scoprire, mescolare delicatamente, quindi aggiungere la curcuma.

Mescolare a fuoco basso ancora 5 minuti: la preparazione assumerà un caratteristico colore giallo. Pronta!

Da sapere

La curcuma è un rimedio naturale straordinario. La curcumina, la preziosa sostanza di cui è composta, è però caratterizzata da instabilità molecolare, è scarsamente solubile in acqua ed è poco assorbita a livello intestinale. Per aumentare la biodisponibilità della curcumina,è consigliabile associarla al pepe nero poiché si è visto che la piperina (sostanza presente in questa spezia) interferisce con la coniugazione della curcumina a livello del fegato, migliorando appunto la biodisponibilità di questa molecola.

Di , © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami