Home » Ricette » Risotti » Risotto veg al profumo di bosco

Risotto veg al profumo di bosco

Autunno tempo di funghi. Ecco un risotto profumato con protagonista il Porcino. Semplice da realizzare, perfetto per ogni occasione e tutti i palati!

Risotto veg al profumo di bosco

Se i funghi e in particolare i Porcini sono la vostra passione, questo risotto è il primo piatto che fa per voi! Semplicemente trifolati, o protagonisti di secondi, questo alimento porta davvero l'autunno in tavola! Preparare il risotto che vi proponiamo, adatto anche a chi segue una dieta vegetariana, è molto semplice e il successo sarà assicurato. Qualora non disponeste del "re" dei funghi, andrà bene sostituirlo con altri più facilmente (ed economicamente) reperibili, importante è seguire la ricetta step by step. Buon appetito!

LEGGI ANCHE: Ricette con funghi


Ingredienti (per 4 persone)

250 g riso Carnaroli
400 g funghi Porcini
10 pomodorini
1 ciuffo prezzemolo fresco
2 spicchi d'aglio
q.b. peperoncino fresco
8 cucchiai di olio extravergine di oliva
1 litro e 1/2 brodo vegetale
q.b. sale


Preparazione

Soffriggere l’aglio a pezzetti con un po' di peperoncino e abbondante prezzemolo. Mescolare e coprire per 10 minuti sempre con il fuoco al minimo. Unire i funghi, precedentemente puliti e tagliati. Mescolare per far amalgamare bene il condimento. Cuocere con fuoco vivace per 2 minuti, quindi abbassare la fiamma al minimo, coprire la padella e continuare la cottura ancora per altri 5 minuti.

Aggiungere i pomodorini tagliati a pezzetti. Mescolare e continuare la cottura per un paio di minuti senza coperchio.
Versare il riso. Mescolare, a fuoco vivo, per farlo rosolare bene. Aggiustare di sale e continuare a mescolare fino a quando non si asciuga tutto il sughetto (circa 3-4 minuti).

Versare 2 mestoli di brodo bollente e mescolare fino a far asciugare il brodo. Ripetere l’operazione più volte fino a ultimare la cottura (circa 15 minuti). Spegnere il fuoco ma continuare a mescolare ancora un paio di minuti per amalgamare gli ingredienti.

Curiosità
Qual è il recipiente ideale per un risotto doc? C’è chi preferisce la pentola di rame, chi la “classica” casseruola inox più larga che alta e con fondo triplo, chi un’ampia padella da mettere sul fuoco su una retina frangifiamma. È la pentola di ghisa, però, a garantire un risultato perfetto: l’assorbimento e il rilascio del calore sono lenti ed omogenei, non si creano zone surriscaldate e il riso cuoce uniformemente senza bruciarsi o attaccarsi. La ghisa, inoltre, non si raffredda quando si aggiungono ulteriori ingredienti e prosegue in modo uniforme ed omogeneo la cottura.

LEGGI ANCHE: Ricette autunnali

Di , © Riproduzione Riservata
TAG  funghi  
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami