Home » Ricette » Dolci e Dessert » Chiacchiere di carnevale vegan

Chiacchiere di carnevale vegan

Le chiacchiere sono simbolo di allegria e leggerezza e questa squisita ricetta ve le propone in chiave tutta vegan. Un dolce da proporre non solo a chi segue un'alimentazione vegana ma anche a chi vuole un dolce fritto più leggero e sano. Tra coriandoli e stelle filanti, sul carrello dei dolci di Carnevale le chiacchiere vegan non possono proprio mancare!

Chiacchiere di carnevale vegan

Per Carnevale ci aspetta una carrellata di dolci squisiti e deliziosi, dalle forme particolari e con impasti insoliti, come questa ricetta per chiacchiere vegan che vi conquisterà per il gusto e la leggerezza. Per una frittura perfetta, ricordate di usare olio di arachidi e non siate avari nelle quantità. Abbondante olio bollente in una padella possibilmente a sponde un poco alte, la temperatura ideale per la frittura è di 190°, se non disponete di un termometro immergete un cucchiaio di legno e quando tutt'intorno si formeranno delle piccole bollicine potete procedere con la frittura.

Le chiacchiere sono un dolce già presente nel Medioevo che veniva preparato per il Carnevale perché era molto semplice da realizzare e anche molto economico. Le chiacchiere sono conosciute in tutt'Italia con nomi diversi come: frappe, cenci, bugie ecc.. ma in qualsiasi modo vengano chiamate restano tra i dolci di Carnevale più conosciuti e amati. Tra coriandoli e stelle filanti non possono mancare queste chiacchiere di Carnevale vegan, leggere e deliziose!

Una ricetta che anche i piccoli di casa non potranno fare altro che apprezzare. Il profumo avvolgente dei fritti di Carnevale non lascia scampo ed è davvero difficile resistervi. Una festa che con piacere ci rimette ai fornelli per preparare tante delizie dolci.

 

LEGGI ANCHE: Ricette di Carnevale

 

Ingredienti per chiacchiere di Carnevale vegan
per 4 persone

170 gr di farina di farro
45 gr di sciroppo d'Agave
20 gr di olio di arachidi
un cucchiaio di grappa
n cucchiaio di vino bianco secco
40 gr di yogurt naturale di soia ( 2 cucchiai pieni)
la scorza grattugiata di mezzo limone possibilmente bio
un pizzico di sale fino
abbondante olio di arachide per friggere
zucchero a velo (facoltativo)


Preparazione
Per prima cosa disponete la farina a fontana sul piano di lavoro, mettete al centro della farina lo sciroppo d'agave, l'olio, il cucchiaio di grappa, il cucchiaio di vino bianco, un pizzico di sale fino e infine lo yogurt naturale di soia. Impastate il tutto, lavorando a lungo l'impasto fino a che non risulterà essere elastico e liscio.

 

Ora formate un panetto con l'impasto e lasciatelo riposare per qualche minuto prima di procedere.

 

A questo punto riprendete l'impasto e stendetelo col matterello ma molto sottile. Oppure potete utilizzare la macchina per stendere la sfoglia, l'importante è che sia piuttosto sottile.

 

Una volta stesa la sfoglia, tagliate dei rettangoli di pasta con 2 incisioni al centro per dare loro il classico aspetto delle chiacchiere e procedete fino ad esaurimento degli ingredienti.

 

Non vi resta che friggere le chiacchiere di Carnevale vegan in abbondante olio di arachidi in una padella a sponde un poco alte, poche alla volta e fino a che non saranno leggermente dorate e quindi cotte.

 

Trasferite le chiacchiere cotte in una teglia foderata con carta assorbente da cucina e infine spolverizzate a piacere con abbondante zucchero a velo. (Se preferite potete anche non metterlo)



Una ricetta vegana semplice e veloce per chiacchiere di Carnevale vegan deliziose che conquisteranno i vostri ospiti che siano grandi oppure piccini, piaceranno proprio a tutti!

Di , © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami