Home » Ricette » Cucina » Conservazione degli alimenti, gli errori più comuni

Conservazione degli alimenti, gli errori più comuni

Siamo sicuri di usare correttamente la pellicola trasparente? E l'alluminio? Ecco come procedere per la conservazione corretta degli alimenti

Conservazione degli alimenti, gli errori più comuni

Nell'economia domestica la conservazione degli alimenti è importante. Per esigenze di tempo siamo spesso costretti ad acquisti non quotidiani che ci portano ad avere in casa il cibo e gli alimenti per più giorni se non per tutta la settimana. Diventa importante, quindi, anche per evitare di sprecare soldi e di buttare poi alcuni prodotti, sapere conservare al meglio frutta, verdura ed altro che necessitano di attenzione.
Siamo sicuri di seguire le regole corrette? Spesso capita che si commettono degli errori involontari che rovinano il cibo o magari ne alterano il sapore, ecco quali.

Fuori dal frigorifero
Sappiate che non tutto va necessariamente in frigorifero, anzi, molte cose si rovinano e possono deteriorarsi molto più velocemente, anche prodotti freschi. Ma nella conservazione degli alimenti includiamo anche barattoli e conserve che se chiuse possono essere riposte in dispensa senza dover trovare posto in frigo.
Non serve che tonno in scatola, altro pesce in scatola, sughi pronti, verdura sottolio o sottaceto, latte a lunga conservazione siano messi al “freddo”, è importante solo che non siano esposte alla luce del sole, lontano da fonti di calore e ad una temperatura costante come quella di casa o di una cantina. Inutile riempire il frigorifero che consuma solo di più. Quando viene invece aperta la confezione andrà comunque riposta in frigorifero che va sempre adeguatamente pulito e ordinato.

Frutta e verdura
Non tenete mai la frutta e la verdura in sacchetti di plastica, anche se possono sembrare più igienici ma non lasciano respirare e questo può causare la generazione di umidità che si può trasformare in muffa andando a deteriorare e rovinare gli alimenti. Meglio quindi utilizzare dei sacchetti di carta oppure riponete gli alimenti in questione nei cassetti appositi del frigorifero facendo attenzione alla contaminazione: un frutto avariato trasferisce la muffa agli altri.

Formaggio e burro
Anche i formaggi dopo essere stati aperti dalla loro confezione originale o tagliati vanno conservati nel giusto modo. Potrebbe sembrare la più adatta, ma non usate la pellicola trasparente con i formaggi, di qualsiasi tipo, meglio la pellicola di alluminio, perché la plastica è maggiormente reattiva a cibi grassi come i derivati del latte, non migliorandone la conservazione ma anzi mettendoli a rischio di contaminazione.

Salumi
Niente pellicola trasparente per i salumi. Come per i formaggi, meglio usare la carta d'alluminio, li preserva maggiormente e non si contaminano.

Limone e ananas
Mai usare l'alluminio per avvolgere il limone tagliato. L'acidità va ad ossidare l'alluminio che può contaminare il frutto. Ugualmente anche l'ananas: se è fresco proteggete la parte tagliata con della pellicola trasparente.

Sugo e pomodoro
Non conservate il sugo con il pomodoro avanzato nella pentola in cui l'avete cucinato. Prima di riporlo in frigo trasferitelo in una ciotola di ceramica, plastica o vetro. Come per il limone, anche il pomodoro ha una componente acida, quindi niente “metalli” a contatto diretto con ragù o sughi “rossi”.

Di , © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS


Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami