Home » Ricette » Cucina » Come pulire la verza

Come pulire la verza

Tipico ortaggio invernale, usato in cucina nelle minestre e in molti piatti tipici, anche nel tedesco wurlstel e crauti.

Uno dei prodotti invernali per eccellenza, un ortaggio della tradizione povera e molto diffuso nel Nord Italia e anche nel Nord Europa.
La verza.
Fa parte di piatti tradizionali italiani come la casoeula milanese o i verzini oppure i wurstel e crauti tedeschi.
Di origini antiche viene coltivata prevalentemente nel Nord ed pronta da raccogliere a novembre, nella tradizione contadina è pronta dopo la prima gelata della terra che teoricamente avviene ai primi di novembre.
Questo ortaggio e anche chiamato cavolo verza o cavolo di Milano ed è di colore verde o verde violaceo.


Ma vediamo come pulirla.

Per prima cosa sfogliate (ovvero togliete le foglie) la parte più esterna che venendo a contatto con l'esterno è magari un poco rovinata ed è stata sicuramente maneggiata da tante mani. Se sono molto dure nella parte centrale, aiutatevi con un coltello.

Questa operazione porterà ad avere il cuore esterno più in vista, prendete un buon coltello e rimuovetelo sino ad arrivare alle foglie (vedi foto). Mi raccomando fate attenzione alle mani. Adesso passatela sotto l'acqua corrente fredda.

Poi mettetela in un canovaccio e asciugatela per bene. Terminata l'asciugatura potete tagliarla a metà e verificare che anche all'interno sia pulita. Per la sua compattezza, difficilmente all'interno è sporca, ma controllate e in caso a verza aperta ripassatela sotto l'acqua dove è sporca.

Ora potete procedere in base all'uso che ne fate: sfogliatela e fate bollire le foglie per usarla nei verzini o nella casoeula o per trasformarla in zuppa oppure potete tagliarla sottile per farla saltare in padella.

Usate gli ortaggi di stagione, oltre che essere più buoni, costano anche meno e potrete risparmiare.

Di © Riproduzione Riservata
CONDIVIDI

1 COMMENTI   Vuoi lasciare un commento?

  1. Inviato da titarita
     

    Ortaggio invernale, ottimo per zuppe o come contorno.
    Spiegazione chiara anche per chi non è molto pratica in cucina.

LASCIA UN COMMENTO


GOOGLE ADS

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]  

Accedi con facebook Accedi con google



Hai dimenticato la Password?
Non sei ancora iscritto?

Ricordami